La dieta 16: 8 basata su una forma di digiuno intermittente può davvero aiutare a perdere peso?

Per perdere peso e migliorare la salute del nostro organismo, il digiuno intermittente può rappresentare la chiave del successo, questo secondo gli autori della ricerca, che è stata pubblicata nel numero di giugno 2018 di Nutrition and Healthy Aging , i quali affermano che i loro risultati supportano i dati precedentemente acquisiti legati al consumo limitato nel tempo può migliorare i marcatori della salute in vari modi.

A differenza della ricerca precedente, lo studio si concentrava specificamente sui partecipanti obesi, 23 persone, che in media avevano intorno ai 45 anni e un indice di massa corporea (BMI) di 35, per 12 settimane, i partecipanti sono stati istruiti a mangiare tutto ciò che volevano, ma solo tra le ore 10.00 e le 18.00. Al di fuori di quelle ore, è stato detto di consumare solo acqua o bevande prive di calorie come tè nero o caffè . La dieta si chiama “16:8” e si riferisce al numero di ore in cui si digiuna rispetto al numero di ore che si mangia.

Il risultato più sorprendente che abbiamo rilevato è che, anche se abbiamo detto loro che potevano mangiare quello che volevano, avevano un limite calorico naturale di circa 350 calorie al giorno [rispetto al gruppo di controllo]“, dice uno degli autori principali dello studio, Kelsey Gabel, RD, con un dottorato di ricerca presso l’Università dell’Illinois in quel di Chicago. In altre parole, anche se i ricercatori non hanno detto ai partecipanti della dieta 16:8 di limitare il loro apporto calorico, in media hanno finito per assorbire circa 350 calorie in meno al giorno semplicemente limitando il periodo di tempo durante il quale hanno mangiato.

I partecipanti hanno anche perso il 3% del loro peso corporeo e hanno avuto un calo del 7% della pressione arteriosa sistolica, in più sono state misurate anche la massa grassa, l’ insulino-resistenza e il colesterolo, ma questi marcatori non variavano tra il gruppo di dieta 16:8 e il gruppo di controllo.

Penso che la dieta [16: 8] sia qualcosa che le persone possono fare a lungo termine“, afferma Gabel, confermando poi: “Quando le persone hanno smesso di mangiare tutto il giorno, penso che siano diventati più in sintonia con i loro segnali di alimentazione e di fame, e hanno smesso di mangiare quando non avevano fame“.

Un altro studio, pubblicato il 10 maggio 2018 nella rivista ” Cell Metabolism”, ha rivelato che l’alimentazione precoce limitata al tempo abbassa il desiderio di mangiare la sera e può anche migliorare la salute, anche se la persona non perde peso.

Ci sono controindicazioni per la dieta 16:8?

Dieta 16-8 perdere peso con digiuno intermittente

Ali Miller, RD, CDE , esperto dietologo integrativo che non è stato coinvolto nello studio ma utilizza la dieta (in una finestra temporale diversa, dalle 12.00 alle 20.00), concorda con Gabel che 16:8 è più di un cambiamento di stile di vita di una dieta temporanea, ma avverte che alcune persone che stanno prendendo in considerazione questo stile di vita dovrebbero procedere con cautela.

Se qualcuno segue una dieta molto ricca di carboidrati approcciando alla dieta 16:8, avrà livelli di insulina più alti, quindi sarà probabilmente un candidato per l’ ipoglicemia“, afferma Miller. “Lo stesso vale per i diabetici e le persone che assumono farmaci diuretici“.

L’approccio 16: 8 non è necessariamente off-limits per questa tipologia di persone, conferma Miller, ma raccomanda di lavorare con un operatore sanitario per il monitoraggio medico per ridurre i farmaci e mantenere lo stile di vita.

Anche se i risultati degli studi attuali sono promettenti, soprattutto per le persone che sperano di perdere peso o abbassare la pressione sanguigna senza contare le calorie, è importante essere consapevoli della dimensione del campione utilizzato per gli studi, ancora relativamente piccolo. Un altro limite di questa ricerca è che l’assunzione di cibo da parte dei soggetti e l’attenersi scrupolosamente alle linee guida per periodo di tempo impostato, sono state “auto-segnalati“, il che significa che il deficit calorico annotato nel documento potrebbe anche essere inaccurato.

In futuro, Gabel vuole esplorare ulteriormente il periodo di tempo ottimale per la finestra di alimentazione, le persone sono più resistenti all’insulina man mano che la giornata va avanti, quindi incuriosisce sapere se possa essere più vantaggioso portare tale “finestra” al momento del risveglio, contemporaneamente è anche interessante scoprire se, se la “finestra” diminuisce, i pazienti perdono più peso, o forse seguono meno la dieta.

fonte@everydayhealth.com