Gran Bretagna, sì alla Brexit e sì al nuovo Commonwealth

Gran Bretagna, sì alla Brexit e sì al nuovo Commonwealth

Gran Bretagna, sì alla Brexit e sì al nuovo Commonwealth.

Sempre particolari questi Inglesi. Stavolta, resisi conto che è necessario lanciare una strategia economica alternativa a fronte dell’uscita dall’Europa, pensano di riesumare un’istituzione ormai desueta e francamente incomprensibile, il Commonweath, che riuniva e riunisce tuttora, in maniera stanca e obsoleta, le vecchie colonie di Sua Maestà.

Il nuovo progetto di un Commonwealth 2.0 dovrebbe avere inizio con l’incontro annuale dei ministri dei 52 Paesi facenti parte dell’unione.

L’incontro si terrà giovedì e venerdì prossimi. Vecchie tradizioni coloniali, non sempre bellissime e non sempre smaglianti, dovrebbero tornare in auge. Dovrebbero.

In previsione ci sono nuovi e più solidi legami economici. Ma se conviene alla Gran Bretagna, converrà anche alle ex colonie?

Questo post-colonialismo di ritorno è davvero una buona idea? E siamo sicuri che l’indipendenza economica di questi Paesi sia rispettata, e magari anche quella politica? Non sapremmo.

Se Canada, Nuova Zelanda e Australia, sono ormai quasi interamente indipendenti, il discorso è completamente diverso in Africa, dove storicamente il colonialismo inglese non si è comportato da gentleman, per dirla all’inglese.

Ma la discussione, prevede il Times, anche qui sarà lunga e laboriosa.

Eleonora Gitto
Di Eleonora Gitto 257 Articoli
Content writer e giornalista pubblicista, appassionata del web, scrive in particolar modo di politica e cronaca.

Be the first to comment

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*