Alla 71esima edizione dei Nastri d’Argento a trionfare è stata la pellicola di Gianni Amelio, “La Tenerezza” che ha conquistato ben quattro riconoscimenti tra i più importanti. La pellicola del regista calabrese ha conquistato il riconoscimento come “miglior film”, “miglior regia”, “miglior fotografia” e “miglior attore protagonista” conquistato da Renato Carpentieri.

Il maggior numero di trofei è andato al film diretto da Edoardo De Angelis, “Gli invisibili” che ha ottenuto il Nastro d’Argento per il “miglior produttore”, per i “migliori costumi”, per la “migliore colonna sonora” e la “migliore canzone originale” di Enzo Avitabile.

Tra gli altri premiati, nella splendida serata che si è tenuta a Taormina presso il Teatro Antico, ci sono stati gli attori siciliani Ficarra e Picone che si sono aggiudicati il riconoscimento per la migliore commedia dell’anno con la pellicola “L’ora legale”.

Come “miglior attrice protagonista” è stata premiata l’attrice romana Jasmine Trinca per la sua interpretazione nel film “Fortunata” per la stessa interpretazione era stata premiata anche a Cannes con “Un Certain Regard”.

Come “migliori attori non protagonisti” sono stati premiati nel ruolo maschile Alessandro Borghi, mentre per quello femminile c’è stato un ex aequo tra Sabrina Ferilli e Carla Signoris. Mentre ad Andrea De Sica con “I figli della notte” ha ricevuto il Nastro come “miglior esordiente”.

Tra gli altri premi Il Nastro d`Argento è andato a “On the milky road – Sulla via lattea” di Emir Kusturica, mentre il Nastro alla carriera di questa settantunesima edizione della rassegna è andato a Roberto Faenza.

Paolo Sorrentino si ha conquistato il Nastro dell`anno per il suo film: “The Young Pope”. A Michele Placido e a Daniele Vicari sono andati i riconoscimenti per l`attenzione al cinema civile, in particolare sul tema del lavoro”. A Placido per la pellicola: “7 minuti” e a Vicari per il film “Sole cuore amore”.