Un nuovo studio condotto dall’Università dell’Illinois a Chicago (UIC) rivela che più di un terzo degli adulti (in questo caso statunitensi) potrebbe usare farmaci con prescrizione che possono causare depressione o aumentare il rischio di suicidio, tutto questo perché tali farmaci sono comuni e spesso non hanno nulla a che fare con la depressione, i pazienti e gli operatori sanitari possono non essere a conoscenza del rischio.

I ricercatori hanno analizzato retrospettivamente i modelli di consumo di farmaci di oltre 26.000 adulti dal 2005 al 2014, che sono stati raccolti come parte del National Health and Nutrition Examination Survey. Hanno scoperto che più di 200 farmaci di prescrizione comunemente usati – tra cui farmaci per il controllo delle nascite, farmaci per la pressione e il cuore, antiacidi e antidolorifici – hanno la depressione o il suicidio elencati come potenziali effetti collaterali.

Non sottovalutare i farmaci che portano alla depressione

Pubblicato sul Journal of American Medical Association , lo studio è il primo a dimostrare che questi farmaci sono stati spesso utilizzati in concomitanza e che l’uso concomitante, chiamato polifarmacia, è stato associato a una maggiore probabilità di sperimentare la depressione. Approssimativamente il 15% degli adulti che hanno utilizzato contemporaneamente tre o più di questi farmaci hanno sperimentato depressione durante l’assunzione dei suddetti farmaci, rispetto a solo il 5% per quelli che non usano nessuno dei farmaci, il 7% per quelli che usano un farmaco e il 9% per quelli che assumono due farmaci contemporaneamente.

I ricercatori hanno osservato risultati simili per i farmaci che elencano il suicidio come un potenziale effetto collaterale. Questi risultati persistono anche nel momento in cui i ricercatori hanno escluso chiunque utilizzi farmaci psicotropi, considerato un indicatore della depressione.

Il messaggio di questo studio è che la polifarmacia può portare a sintomi depressivi e che i pazienti e gli operatori sanitari devono essere consapevoli del rischio di depressione associato a tutti i tipi di farmaci comunemente prescritti, molti dei quali sono facilmente disponibili“, ha confermato l’autore principale Dima Qato, PharmD, PhD, MPH, Assistant Professor di Sistemi di Farmacia, Risultati e Politiche presso l’UIC College of Pharmacy. “Molti possono essere sorpresi nell’apprendere che i loro farmaci, nonostante non abbiano nulla a che fare con l’umore o l’ansia o qualsiasi altra condizione normalmente associata alla depressione, possono aumentare il rischio di manifestare sintomi depressivi e possono portare a una diagnosi di depressione“.

Il dott. Qato osserva che lo studio mostra anche un importante trend di aumento della polifarmacia per i farmaci con effetto collaterale legato alla depressione, in particolare i sintomi da “suicidio”, come potenziale effetto avverso. Questo rende il bisogno di consapevolezza della depressione come un potenziale effetto collaterale ancora più pressante.

I ricercatori hanno scoperto che l’uso di qualsiasi farmaco su prescrizione con un potenziale effetto collaterale negativo è aumentato dal 35% nel periodo 2005-2006 al 38% nel periodo 2013-2014. L’uso approssimativo di antiacidi con potenziali effetti avversi sulla depressione, come gli inibitori della pompa protonica e antagonisti H2, è aumentato dal 5% al ​​10% nello stesso periodo. L’uso di tre o più farmaci aumenta contemporaneamente dal 7% al 10%, circa.

Per i farmaci su prescrizione con suicidio elencato come potenziale effetto collaterale, l’uso è aumentato dal 17% al 24% e l’uso di tre o più farmaci è aumentato contemporaneamente dal 2% al 3%.

Le persone non solo usano sempre più questi farmaci da soli, ma li usano sempre più contemporaneamente, pochissimi di questi farmaci hanno etichette di avvertimento, quindi finché non avremo soluzioni pubbliche o di sistema, è lasciato ai pazienti e agli operatori sanitari essere consapevoli dei rischi “, ha confermato il dottor Qato in una dichiarazione.

Il dott. Qato conferma anche che le soluzioni meritano ulteriori studi e dovrebbero includere l’aggiornamento del software di sicurezza dei farmaci per riconoscere la depressione come una potenziale interazione farmaco-farmaco, così che gli operatori sanitari, inclusi i farmacisti, siano più propensi a notare se un paziente sta utilizzando più farmaci che possono aumentare il rischio, in tutto questo è compreso anche la valutazione dell’uso di farmaci nello screening della depressione e gli strumenti diagnostici utilizzati da medici e infermieri e raccomandati specialmente quando si tratta di depressione persistente o resistente al trattamento.

Considerando la depressione come una delle principali cause di disabilità e l’aumento dei tassi di suicidio nazionale, dobbiamo pensare in modo innovativo alla depressione come problema di salute pubblica, e questo studio dimostra che i modelli di utilizzo dei farmaci dovrebbero essere considerati nelle strategie che cercano di eliminare, ridurre o minimizzare l’impatto della depressione nella nostra vita quotidiana “, ha detto il dott. Qato.

I coautori dello studio sono Katharine Ozenberger, MS, dell’UIC e Mark Olfson della Columbia University, MD, MPH.

fonte@UIC