Alcol: i giovani bevono di meno lo conferma un nuovo studio

Alcol i giovani bevono di meno lo conferma un nuovo studio

Si stima che quasi un terzo dei giovani lascia l’alcol da parte e ne consuma meno rispetto alle “leggende popolari” legate proprio ai giovani e al consumo di alcol.

I giovani di 16-24 anni di oggi sono i più sobri della storia recente, consumano molto meno dei loro genitori, lo rivela uno studio che ha coinvolto quasi 10.000 ragazzi.

I ricercatori hanno scoperto che il 29% si definisce non bevitore, rispetto al 18% del 2005, mentre la metà degli intervistati dichiara di non aver bevuto nella settimana precedente all’intervista. I nuovi dati, pubblicati sulla rivista BMC Public Health , hanno rivelato che la percentuale di “astemi a vita” è aumentata dal 9% del 2005 al 17% di un decennio dopo.

Gli esperti dell’University College di Londra hanno studiato i dati della ricerca sanitaria annuale per l’Inghilterra e hanno scoperto che un numero minore di giovani era dedito all’alcol.

Nel 2005, due su cinque (praticamente il 43%) hanno ammesso di aver bevuto oltre i limiti raccomandati, ma questo dato è calato a solo il 28 per cento 10 anni dopo. Anche i tassi di “abbuffata da alcol” sono diminuiti dal 27% al 18% nello stesso periodo.

Di contro le percentuali inferiori legate al consumo di alcol non sono state invece osservate tra i fumatori, le minoranze etniche e quelli con scarsa salute mentale, secondo lo studio.

Gli aumenti di coloro i quali non bevono tra i giovani, sono stati riscontrati in un’ampia gamma di gruppi, compresi quelli che vivono nelle regioni settentrionali o meridionali dell’Inghilterra, tra la popolazione bianca, coloro che vanno a scuola, nel mondo del lavoro ed in tutte le classi sociali e ceti “, ha detto la dott.ssa Linda Ng Fat, autrice principale dello studio.

Il fatto che l’aumento del non-bere sia stato riscontrato in molti gruppi diversi suggerisce che il non-bere potrebbe diventare più comune tra i giovani, il che potrebbe essere causato da fattori culturali“.

Ha aggiunto: “L’aumento dei giovani che scelgono di non bere alcolici suggerisce che questo comportamento potrebbe diventare più accettabile, mentre comportamenti rischiosi come il binge drinking potrebbero diventare meno normalizzati“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *