Apple alza la testa e si schiera contro Donald Trump

Redazione

Non è facile provare ad alzare la testa dinanzi a Donald Trump: il presidente Usa si fa terra bruciata intorno quando il suo volere non è assecondato, ed Huawei ne è la prova lampante.

Eppure Apple non ci sta a rischiare di veder diminuire drasticamente i suoi potenziali introiti, ed è per questo che ha deciso di lanciare il suo messaggio, forte e chiaro, contro un eventuale aumento dei dazi.

In una lettera inviata al rappresentante per il commercio, Robert Lighthizer, l’azienda di Cupertino ha sottolineato che le nuove tariffe, che potrebbero essere più alte delle attuali anche del 25%,  potrebbero avere un impatto su quasi tutti i prodotti Apple, tra cui iPhone, MacBook, AirPods e Apple Watch comprese batterie e parti di ricambio.

I nuovi danneggeranno inoltre anche i dipendenti Apple negli Stati Uniti e ridurranno la capacità dell’azienda di contribuire allo sviluppo economico del Paese. I dazi precedenti avevano già interessato alcuni accessori della società, come ad esempio cavi, adattatori e caricatori, ma in quel caso Apple aveva scelto di assorbire il danno riducendo i margini di profitto.

Ad unirsi all’accorato appello anche gli altri produttori americani di PC: HP, Dell e Microsoft hanno rilasciato una nota congiunta in cui esprimono la loro più totale contrarietà al nuovo regime di tassazione voluto da Trump.

Foto@Flickr

Next Post

Roma, morti due anziani coniugi: suicidio per problemi economici?

Mentre il governo cerca di abbattere la povertà con misure di sostegno al reddito, come il reddito e la pensione di cittadinanza, stimolando parallelamente il mercato del lavoro, purtroppo in Italia si muore ancora per la disperazione di non sapere come arrivare a fine mese. Piuttosto che affrontare il disonore […]
Roma morti due anziani coniugi suicidio per problemi economici