Avril Lavigne si racconta a People e dichiara ” Pensavo di morire”

Redazione

Considerata una tra le artisti maggiormente amate e seguite a livello internazionale, la bella e talentuosa cantautrice, stilista e attrice canadese Avril Lavigne lo scorso mese di dicembre aveva allarmato i fan con una frase scritta sui social in cui dichiarava di non sentirsi molto bene. Nello specifico l’artista canadese aveva scritto “Sto male, pregate per me”. Una frase piuttosto dura che aveva destato nei fan parecchia preoccupazione.

Ed ecco che a distanza di alcuni mesi la bella Avril Lavigne ha deciso di raccontare il terribile periodo vissuto e per farlo si è raccontata nel corso di un intervista alla rivista People nel corso della quale ha dichiarato di essere stata colpita dalla malattia di Lyme ovvero una malattia di origine batterica. I primi sintomi si sono verificati nel corso della festa organizzata per il suo trentesimo compleanno e a proposito di ciò Avril racconta “Mangiavo a malapena e quando siamo andati in piscina sono dovuta tornare a casa e mettermi a letto…I miei amici mi chiedevano “Cosa c’è che non va? Io non lo sapevo..Non avevo idea che un insetto potesse causare una cosa simile. Sentivo che non riuscivo a respirar, non potevo parlare nè muovermi.Pensavo di morire”.

Definita dal New York Times “la malattia infettiva che si diffonde più rapidamente “negli Stati Uniti” dopo l’AIDS, la malattia di Lyme è causata da un batterio che infesta le zecche che possono trasmetterlo all’uomo e agli animali. Adesso però Avril sta molto meglio e dopo la brutta esperienza vissuta è pronta a vivere la propria vita al 100%.

Next Post

Cremona, Guardia di Finanza scopre due falsi ciechi denunciati per truffa aggravata

Ogni giorno, grazie ai telegiornali e al mondo del web, è possibile venire a conoscenza dei fatti di cronaca, ma non solo, che coinvolgono il nostro Paese ed il resto del mondo. Spesso , in televisione, è possibile ascoltare notizie di cronaca riguardanti finti invalidi che percepiscono pensioni di invalidità […]