Che livello di sensibilità hai alla caffeina?

Redazione

La sensibilità al caffè dipende dalla velocità con cui il fegato metabolizza la caffeina e se il suo comportamento genetico lo influenza per interagire più facilmente attraverso il sistema nervoso centrale.

Il dottor JW Langer ha suggerito che ci sono tre livelli di sensibilità alla caffeina: alta, regolare e bassa.

Che livello di sensibilita hai alla caffeina

Secondo il rapporto sulla genetica, il metabolismo e le risposte individuali alla caffeina, la caffeina è un “composto metilxantina che si trova naturalmente in un certo numero di specie vegetali. Ci sono circa 75 mg a 100 mg di caffeina in una “tipica tazza di caffè“, che include il caffè fatto in casa, il caffè espresso, il caffè istantaneo.

Dopo l’ingestione, la caffeina viene assorbita dallo stomaco e dall’intestino nel flusso sanguigno.

Gli effetti stimolanti della caffeina sono principalmente legati ai recettori A1 e A2A, la maggior parte dei quali sono nel cervello“, osserva il rapporto.

Gli effetti della caffeina possono durare “diverse ore, a seconda della velocità o del rallentamento del processo metabolico, scomposto nel fegato ed escreto nelle urine.

Coloro che hanno una “elevata sensibilità alla caffeina” hanno un metabolismo lento nel fegato e “un’elevata connettività nel sistema nervoso centrale“.

I ricercatori hanno avvertito che “anche piccole quantità di caffeina causeranno un effetto stimolante e dosi elevate possono causare problemi di sonno“.

Le persone che sono considerate avere una “sensibilità regolare alla caffeinapossono bere da due a cinque tazzine di caffè durante il giorno senza reazioni avverse. Questo perché c’è un “equilibrio tra l’inibizione della caffeina nel fegato e il legame nel sistema nervoso centrale“.

Si pensa che alcune persone abbiano una “bassa sensibilità alla caffeina” perché metabolizzano rapidamente la sostanza nel fegato.

Ciò significa che questo tipo di persona può bere il caffè prima di coricarsi senza insonnia durante la notte.

Anche se si rientra nel gruppo della “bassa sensibilità alla caffeina“, l’Autorità europea per la sicurezza alimentare (EFSA) raccomanda non più di cinque tazzine di caffè al giorno.

Gli enzimi epatici, chiamati citocromo P450, sono responsabili della scomposizione della caffeina nel fegato.

Uno dei principali enzimi del citocromo P450 è chiamato CYP1A2, che può inattivare il 95% di tutta la caffeina ingerita.

La capacità di produrre questo enzima è codificata dal gene CYP1A2. Persone diverse hanno copie diverse del gene CYP1A2 e queste differenze genetiche determinano l’entità dell’attività dell’enzima CYP1A2 in ogni persona“, afferma il rapporto. Quelli con un “gene CYP1A2 molto attivo” metabolizzeranno la caffeina più rapidamente.

Ciò significa che la caffeina avrà un “effetto delicato e duraturo in tutto il corpo“. D’altra parte, i metaboliti lenti sperimenteranno un aumento della vigilanza per un periodo di tempo prolungato.

Fonte: Express

Next Post

Un nuovo effetto collaterale per il vaccino Pfizer-BioNTech?

Anche il vaccino Pfizer-BioNTech ha partecipato alle discussioni sugli effetti collaterali del vaccino. In uno studio condotto in Israele, 6 persone che sono state vaccinate hanno sviluppato l’herpes zoster. Mentre il coronavirus continua fare vittime in tutto il mondo, le campagne di vaccinazione continuano ininterrotte in molti paesi. La controversia […]
Un nuovo effetto collaterale per il vaccino Pfizer-BioNTech