Sab. Ott 19th, 2019

24Hlive.it

Tutte le news del web

Depressione negli anziani, si evidenzia da come si cammina

Depressione negli anziani si evidenzia da come si cammina

Trovato il collegamento tra passo d’uomo e depressione negli anziani.

I cambiamenti nell’andatura possono essere diagnostici per problemi mentali come la depressione, in base ad un nuovo studio.

L’invecchiamento della popolazione è destinato a diventare “una delle trasformazioni sociali più significative del XXI secolo“, che riguarda quasi tutti i settori della società, comprese le strutture familiari, i mercati del lavoro e finanziari, nonché la domanda di beni e servizi, secondo un recente Rapporto sulle questioni globali delle Nazioni Unite.

Entro il 2050, secondo il rapporto, il numero di persone di 60 anni ed oltre, sarà più che doppio dai suoi attuali livelli, che ammontano a circa due miliardi.

Oggi, un nuovo studio sulla salute mentale degli anziani ha trovato collegamenti tra l’insorgenza della depressione in età avanzata, la velocità di camminata e la lunghezza del passo.

Il rapporto, pubblicato sul Journal of American Geriatrics Society, afferma che le persone anziane alle quali era stata diagnosticata la depressione avevano una velocità di deambulazione più lenta e un passo più breve, rispetto a quelle senza tale condizione.

Un team di ricercatori dell’Irish Longitudinal Study on Aging, con sede presso il Trinity College di Dublino, in Irlanda, e l’Istituto Mercer’s for Successful Aging, al St James’s Hospital, anch’esso a Dublino, ha lavorato con oltre 3600 persone di 50 anni e più, alle quali in precedenza non era stata diagnosticata una condizione di depressione.

L’autore principale dello studio, Robert Briggs, afferma che la depressione nelle persone anziane è difficile da diagnosticare perché sono molto meno propensi a consultare i professionisti sanitari in merito ai sintomi legati all’umore.

Questi risultati sono importanti perché è fondamentale identificare gli individui più anziani a più alto rischio di sviluppare la depressione al fine di promuovere un intervento precoce“, afferma.

Briggs conferma che lo studio suggerisce anche che i programmi di esercizi volti a migliorare la velocità e l’equilibrio della deambulazione che possono aiutare a prevenire l’insorgere della depressione in età avanzata, “anche se questo dovrebbe essere testato in studi clinici dedicati“.

I ricercatori hanno utilizzato il sistema GAITRite , un tappetino computerizzato con sensori di pressione, per analizzare gli stili di camminata o le andature.

I partecipanti hanno iniziato a camminare per due metri e mezzo prima del tappeto e si sono fermati due metri dopo, per consentire l’accelerazione e la decelerazione. Hanno completato due passeggiate in ognuna delle tre condizioni: a un ritmo normale, camminando mentre svolgevano un compito manuale (in questo caso, tenendo un bicchiere d’acqua), e camminando mentre svolgevano un compito cognitivo (recitando le lettere alternate del alfabeto).

I dati delle camminate in ciascuna condizione sono stati mediati per arrivare a informazioni sulla velocità dell’andatura, la lunghezza del passo, la larghezza del passo e altre azioni.

Il rapporto dice che i disturbi della deambulazione colpiscono circa un terzo delle persone che vivono in comunità di 60 anni o più, aumentando significativamente con l’età. Data l’ampia gamma di processi necessari per mantenere l’andatura e l’equilibrio, si dice, ci siano molte potenziali cause di questi disturbi, tra cui l’artrosi e problemi neurologici come ictus, morbo di Parkinson o sclerosi multipla.

Ci sono anche fattori che non possono essere spiegati da carenze dimostrabili, ma il rapporto dice che un declino dell’andatura è un “costante e affidabile predittore dello stato funzionale futuro e della mortalità in età avanzata“.

I problemi di deambulazione, in particolare i problemi di deambulazione di livello superiore, sono anche strettamente collegati a esiti di salute del cervello peggiori, aumentando il rischio di demenza incidente, in particolare di demenza vascolare“, dice il rapporto.

Ci sono anche prove crescenti che collegano il disturbo dell’andatura con la depressione in età avanzata, scrivono i ricercatori, con sintomi associati a una velocità dell’andatura più lenta e una lunghezza del passo più breve.

La depressione tardiva è anche associata ad un aumentato rischio di cadute, che può essere correlato al disturbo dell’andatura.

Briggs e colleghi affermano che le loro scoperte sono significative perché possono aiutare i professionisti della medicina a sbrogliare e comprendere le associazioni tra le comuni condizioni di vita tardiva che influenzano la vita di milioni di persone.

Entrambi i problemi di depressione e di andatura convivono comunemente in età avanzata, e sembra che le persone anziane con una combinazione di entrambe le condizioni siano particolarmente a rischio di declino funzionale“, concludono.

Inoltre, questi risultati sollevano la possibilità che l’analisi dell’andatura possa essere utilizzata come uno strumento per identificare quelli a più alto rischio di depressione in età avanzata“.

fonte@CosmosMagazine.com

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...
Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.