Diagnosticati due casi di scabbia nel Veneto

Redazione

Tra i profughi arrivati negli scorsi giorni a Vittorio Veneto, accolti dalla Caritas e dal Ceis, sono stati individuati due profughi ai quali è stato diagnosticato la scabbia.

Si tratta di due profughi di circa 20 anni,di origine africana. Non si hanno ancora notizie certe sulla provenienza dei profughi, per meglio dire se sono in Italia da tempo o se invece sono sbarcati in Italia da poco tempo. Il direttore generale dell’USL 7, ha tenuto a precisare: «L’Usl 7, come da indicazioni regionali, sottopone tutti i profughi in arrivo ad attenti controlli sanitari, «al fine di identificare precocemente, e trattare, eventuali patologie in atto. L’altro ieri, dopo approfondimento specialistico, due giovani sono risultati affetti da scabbia, malattia parassitaria della cute.

L’intervento immediato sta però dimostrando tutta la sua efficacia». I profughi affetti da scabbia, sono stati immediatamente posti in isolamento e sottoposti ad un trattamento dermatologico raccomandato.

Diagnosticati due casi di scabbia nel Veneto

 

Next Post

Legambiente e i rischi idrogeologici del territorio italiano

La festa nazionale di Legambiente, ovvero il Festambiente, è stato utile anche per alcune considerazioni da parte dell’associazione. Nel corso di Festambiente infatti, tenutosi in Maremma, si è chiarito che più di 6 milioni di italiani vivono quotidianamente in aree considerate ad alto rischio idrogeologico. Complessivamente Legambiente informa, che i […]
Legambiente e i rischi idrogeologici del territorio italiano