Isis, kamikaze in moschee dello Yemen

Redazione

Yemen, strage di sciiti nella giornata di ieri, 20 marzo, venerdì di preghiera.

Una serie di attentati kamikaze hanno colpito 3 moschee a Sana, tutte frequentate dai ribelli Houthi, un movimento sciita che ha occupato la capitale dello Yemen. Il bilancio è di circa 150 morti.

L’attentato sembra sia stato rivendicato dall’Isis tramite un post su Twitter “è solo la punta dell’iceberg”, ma la Casa Bianca ha invitato alla cautela.

Non vi sono, al momento, chiari collegamenti fra la strage e l’Isis, dichiara l’amministrazione Usa.
Se fossero davvero gli autori dell’attacco, si tratterebbe della prima grande azione coordinata dell’Isis nello Yemen.

Il capo della diplomazia UE, Federica Mogherini, ha dichiarato che “gli attacchi alle moschee e i combattimenti ad Aden mirano chiaramente a far deragliare il processo di transizione nel Paese, esortando tutte le parti a ritornare al dialogo e a negoziati inclusivi”.

Nella capitale hanno agito quattro kamikaze: due direttamente all’interno delle moschee e due all’esterno con un’autobomba. Un piano studiato per fare il maggior numero di vittime possibili.

Next Post

Aeroporto di New Orleans, aggredisce due persone col machete

Aeroporto internazionale Louis Armstrong, New Orleans. Un uomo ha aggredito due persone con un machete prima di essere colpito dai colpi di arma da fuoco esplosi dagli agenti. La polizia ha raccontato che un uomo sospetto, di 63 anni, è stato fermato da due agenti della polizia aeroportuale, ma all’improvviso […]