La bellezza si basa sul PH della nostra pelle

Redazione

La bellezza è legata molto alla cura della nostra pelle, una pelle eccellente richiede pazienza, impegno e investimenti in prodotti che si adattano meglio.

Il dottor Preeti Savadekar, dermatologo, spiega tutto sul vocabolario della pelle e condivide i passaggi semplici ma necessari per ottenere una pelle sana.

La bellezza si basa sul PH della nostra pelle

Il valore del pH denota quanto sia alcalina o acida una sostanza: la scala del pH ha un valore 0-14, qualsiasi valore compreso tra maggiore di 0 e minore di 7 è acido, 7 è neutro (acqua) e valore compreso tra 7 e 14 è alcalino.

Il mantello acido che funge da barriera protettiva della pelle è leggermente acido con un pH intorno a 5,5. A pH 5,5, la pelle rimane sana, c’è una minima perdita di umidità, la crescita di batteri cattivi è minima, aiuta anche a mantenere un livello ottimale di batteri amici della pelle e del cuoio capelluto e supporta la difesa naturale contro i fattori ambientali che accelerano l’invecchiamento della pelle.

Anche il pH dei capelli sani è compreso tra 5,5. Ecco perché a pH 5,5 la pelle rimane sana, luminosa e idratata. A pH 5,5 i capelli rimangono idratati, setosi e lucenti, mentre a pH 5,5 viene sostenuta la difesa naturale del cuoio capelluto da secchezza, irritazione e formazione di forfora.

Il modo più efficace per scoprire se la tua pelle è sensibile è prestare molta attenzione alla reazione della tua pelle. I sintomi più comuni che si notano sono ad esempio: Se hai la pelle sensibile, probabilmente noti che saponi, detergenti, fragranze, profumi, prodotti per la cura della pelle, cosmetici colorati e prodotti per la casa possono far reagire la tua pelle, indipendentemente dal fatto che si tratti di secchezza, prurito, eruzioni cutanee o arrossamento.

La pelle secca e la pelle sensibile possono andare di pari passo. Può portare a sfoghi di acne e screpolature della pelle.

La pelle sensibile può reagire con un’eruzione cutanea rossa, secca, squamosa o irregolare. Ciò è particolarmente vero per i prodotti lasciati sulla pelle, come le creme per il viso. Potresti sviluppare un’eruzione cutanea molto rapidamente dopo il contatto.

Una pelle sana non è solo un sogno, ma può essere raggiunta se si segue una routine adeguata che è più adatta al proprio tipo di pelle. A seconda del tipo di pelle e dello stile di vita, è necessario creare una routine che si adatti al proprio programma quotidiano.

Tra tutte le cose da tenere a mente, la più importante è usare un detergente senza parabeni e ftalati e una crema idratante con un pH di 5,5. Questa routine di cura della pelle può essere ulteriormente migliorata utilizzando una crema solare multiprotettore, un balsamo per la difesa delle labbra e una crema lifting per gli occhi per ottenere protezione dagli irritanti esterni.

Usa uno shampoo delicato con pH 5,5 e privo di sostanze irritanti che pulirà e proteggerà il cuoio capelluto e i capelli.

Quando si utilizza sapone o shampoo per lavare la pelle o i capelli, il pH è fondamentale perché poiché il sapone alcalino compromette i meccanismi di difesa naturale della pelle contro secchezza, irritazione e infezioni, specialmente nella pelle sensibile o stressata, cosa comune nelle dure condizioni climatiche dell’India.

Per i capelli il pH di uno shampoo influisce sulla struttura del capello, ma se il livello di pH è neutro o più alcalino aumenta il rischio di problemi alla pelle e ai capelli.

Per un periodo di tempo potresti notare che la tua pelle è diventata secca, infiammata e macchiata e questo a lungo andare può portare ad un invecchiamento cutaneo accelerato.

Il pH dei prodotti per la pulizia della pelle e dei capelli dovrebbe essere leggermente acido, uguale a quello di pelle e capelli sani per garantire la pulizia senza danneggiare la pelle, assicurando che lo strato protettivo della pelle sia intatto.

Next Post

Lo stimolo visivo resta nel cervello durante il sonno

Una ricerca dell’Università del Michigan rivela che i gruppi di neuroni attivati ​​durante l’apprendimento precedente al sonno, continuano ad essere attivi conservando ricordi nel cervello. I ricercatori dell’Università del Michigan hanno studiato come si formano e immagazzinano nei topi i ricordi associati a uno specifico evento sensoriale. In uno studio […]
Lo stimolo visivo resta nel cervello durante il sonno