Microplastiche nelle feci umane, incredibile studio lo rivela

Redazione

Microplastiche scoperte in feci umane in tutto il mondo, lo rivela il primo studio del genere

I ricercatori hanno monitorato un gruppo di partecipanti provenienti da 8 paesi in tutto il mondo con risultati che hanno mostrato che ogni singolo campione di feci risultava positivo per la presenza di microplastica e sono stati identificati fino a 9 diversi tipi di plastica.

Le microplastiche sono state trovate nella catena alimentare umana mentre particelle di polipropilene (PP), polietilentereftalato (PET) e altre sono state rilevate in feci umane, la ricerca presentata oggi alla 26ª Settimana UEG a Vienna lo rivela.

I ricercatori della Medical University di Vienna e dell’Agenzia per l’ambiente Austria hanno monitorato un gruppo di partecipanti provenienti da paesi di tutto il mondo, tra cui Finlandia, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Polonia, Russia, Regno Unito e Austria. I risultati mostrano che ogni singolo campione di feci risulta positivo per la presenza di microplastica e sono stati identificati fino a nove diversi tipi di plastica.

Le microplastiche sono piccole particelle di plastica inferiori a 5 mm e sono utilizzate in vari prodotti per scopi specifici; oltre ad essere creati involontariamente dalla rottura di pezzi più grandi di plastica attraverso agenti atmosferici, degrado e usura. La microplastica può avere un impatto sulla salute umana attraverso il tratto GI che potrebbe influenzare la tolleranza e la risposta immunitaria dell’intestino mediante bioaccumulo o favorendo la trasmissione di sostanze chimiche tossiche e patogeni.

Lo studio pilota è stato condotto con otto partecipanti da tutto il mondo. Ogni persona teneva un diario alimentare nella settimana che portava al campionamento delle feci. I diari hanno mostrato che tutti i partecipanti erano esposti alla plastica consumando alimenti confezionati in plastica o bevendo da bottiglie di plastica. Nessuno dei partecipanti era vegetariano e sei di loro consumavano pesce.

Le feci sono state testate presso l’Environment Agency Austria per 10 tipi di materie plastiche a seguito di una nuova procedura analitica. Sono stati trovati fino a nove diversi materiali plastici, di dimensioni comprese tra 50 e 500 micrometri, con il polipropilene (PP) e il polietilentereftalato (PET). In media, i ricercatori hanno trovato 20 particelle microplastiche per 10g di feci.

Il ricercatore capo Dr. Philipp Schwabl, che sta presentando i risultati della 26a settimana UEG, ha commentato: “Questo è il primo studio nel suo genere e conferma quello che sospettavamo da tempo, che la plastica alla fine raggiunge l’intestino umano. questo significa per noi, e in particolare per i pazienti con malattie gastrointestinali, mentre le più alte concentrazioni di plastica negli studi sugli animali sono state trovate nell’intestino, le più piccole particelle microplastiche sono in grado di entrare nel flusso sanguigno, nel sistema linfatico e possono persino raggiungere il fegato. abbiamo le prime prove delle microplastiche negli esseri umani, abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per capire cosa questo significhi per la salute umana“.

La produzione globale di materie plastiche è aumentata notevolmente dagli anni ’50 e continua a crescere ogni anno. Per le loro numerose caratteristiche pratiche, le materie plastiche sono pervasive nella vita quotidiana e gli esseri umani sono esposti alla plastica in molti modi. Si stima che, attraverso l’inquinamento, il 2-5% di tutte le materie plastiche prodotte finisca nei mari. Una volta nell’oceano, le materie plastiche vengono consumate dagli animali marini ed entrano nella catena alimentare dove, in definitiva, è probabile che vengano consumate dagli esseri umani. Quantità significative di microplastica sono state rilevate nel tonno, nell’aragosta e nei gamberetti. Oltre a ciò è molto probabile che durante le varie fasi della lavorazione degli alimenti o in seguito al confezionamento, gli alimenti siano contaminati dalla plastica.

Next Post

Dieta: i 12 alimenti per ridurre l'ipertensione

Ipertensione quali sono i 12 alimenti da includere nella dieta per ridurla? Una pressione alta può portare a gravi problemi di salute se non trattata, ma un modo per prevenire e controllare tale condizione è di seguire una dieta sana ed equilibrata, proviamo dunque a vedere quali cibi in particolare […]
Dieta i 12 alimenti per ridurre ipertensione