Naro, commerciante ucciso in piazza con tre colpi di pistola alla testa, non si esclude la pista mafiosa

Redazione

Aveva appena chiuso il suo negozio ed era entrato in macchina per dirigersi verso casa dopo un lungo giorno di lavoro, ma purtroppo a casa Salvatore Terranova, un uomo di 55 anni di Naro, il comune italiano della provincia di Agrigento in Sicilia, non ci è mai arrivato. Salvatore Terranova mentre si trovava a bordo della propria automobile è stato affiancato probabilmente da due uomini, non è ancora chiaro quanti fossero gli assassini, che gli hanno freddamente sparato tre colpi di pistola alla testa uccidendolo.

L’agguato è avvenuto in Piazza Francesco Crispi, davanti all’esercizio commerciale che gestiva la vittima nel tardo pomeriggio di ieri, lunedì 17 Gennaio, e non è ancora chiaro quale possa essere stato il movente di un omicidio così crudele. Intanto, i Carabinieri stanno portando avanti le loro indagini nella speranza di poter presto riuscire a capire cosa sia successo ed arrestare così gli assassini di Salvatore Terranova. E proprio per cercare di arrestare il più presto possibile gli assassini del commerciante di Naro i carabinieri stanno istituendo numerosi posti di blocco attorno al paese.

Gli inquirenti non escludono alcuna pista, neppure quella mafiosa, in quanto proprio Terranova da un po di tempo era tenuto sotto controllo dalle Forze dell’ordine del posto in quanto alcuni pentiti avevano indicato in passato la vittima come “un punto di forza della cosca narese, capace anche di commettere omicidi”.

 

Next Post

Libia, Renzi nessun militare italiano no ad interventi

Se da un lato la Farnesina ha portato a termine il suo programma di rientro degli italiani presenti in Libia, dall’altro il discorso sull’intervento militare si fa sempre più pressante. Intanto da Tripoli arriva la condanna verso i raid aerei egiziani sull’Isil, in campo europeo mentre la Francia, con Hollande, […]
Libia Renzi nessun militare italiano no ad interventi