Robert Plant, frontman dei Led Zeppellin, incanta al Pistoia Blues

Redazione

Ci sono artisti che incantano, sempre e comunque, che li ascolti e sai che finirai per piangere, che ogni loro performance è una esplosione di emozioni.

E Robert Plant è uno che incanta, e lo ha fatto anche al Pistoia Blues, dove ormai è di casa dopo numerosi passaggi al festival dagli anni Novanta in poi, per dare il là al suo tour nella nostra penisola.

Una primavera e un’estate mozzafiato per gli amanti della musica: Black Sabbath a Bologna il 18 giugno, Rolling Stones a Roma il 22, Aerosmith a Milano il 24, ed ora Plant, padre putativo di tutti i cantanti heavy metal nonché frontman dei Led Zeppelin, che ieri sera si è esibito in una piazza del Duomo affollata da 4000 fan in delirio.

Una t-shirt bianca e jeans stinti, capelli ricci da leone come quando aveva 20 anni anche se ora ne ha 66, si è esibito accompagnato dalla sua ultima band solista, i Sensational Space Shifter, intonando soprattutto blues, ma senza farsi mancare contaminazioni country-folk e hard rock.

“Thank you, good night, peace & love to you all” per chiudere il concerto, ma siamo noi che ringraziamo te Robert.

 

Robert Plant, frontman dei Led Zeppellin, incanta al Pistoia Blues

Next Post

Si è spento Tommy Ramone, fondatore e ultimo membro vivente dei Ramones

Purtroppo anche oggi dobbiamo parlare di un addio, un sentito saluto a un altro grande: è scomparso Tommy Ramone, famoso leader, batterista e fondatore della band dei Ramones. Si è spento all’età di 62 anni, dopo una unga malattia: era stato colpito una neoplasia maligna dell’albero biliare, un cancro al […]