Tre anni senza Lucio Dalla, grande artista ma soprattutto grande uomo

Redazione

Sono già trascorsi tre lunghi anni dal 1° Marzo del 2012, giorno in cui è prematuramente scomparso un grande musicista, cantautore e attore italiano. Stiamo parlando del grande Lucio Dalla che all’età di 68 anni e solo tre giorni prima del suo compleanno se n’è andato stroncato da un infarto in un hotel di Montreux, la cittadina svizzera dove si era esibito la sera prima.

Nato a Bologna il 4 Marzo del 1943 da padre direttore in città del club di tiro a volo e madre casalinga Lucio Dalla può essere considerato uno dei più importanti, influenti e innovativi cantautori italiani. Nel corso della sua brillante carriera Dalla ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui la ” Targa Tenco per il brano Caruso, nell’ambito della “Rassegna della canzone d’autore” del Club Tenco” nel 1986, il “Nastro d’argento come miglior canzone per Prima dammi un bacio” nel 2004, il “David di Donatello come miglior canzone originale per il film Il frullo del passero” nel 1989, il “David di Donatello come miglior musicista per il film Borotalco” nel 1982 e tanto altro ancora.

Lucio Dalla è stato un grande musicista ma soprattutto è stato un grande uomo anche fuori dal mondo della musica, un grande uomo che andandosene ha lasciato un profondo segno nel cuore di chi lo ha amato e seguito negli anni legati alla sua splendida carriera.

Next Post

Chiuso l'Istituto di Medicina Legale della Sapienza di Roma, cadaveri nei corridoi

Un nuovo scandalo sta coinvolgendo nelle ultime ore La Sapienza – Università di Roma, una delle più antiche università italiane, nata per volontà di papa Bonifacio VIII che il 20 aprile 1303 con la bolla pontificia “In suprema praeminentia dignitatis” istituì a Roma lo “Studium Urbis”. Nello specifico a finire […]