USA: CDC conferma, donne incinte maggiore rischio decesso Covid-19
CDC conferma donne incinte maggiore rischio decesso Covid-19

Un’analisi di oltre 400.000 donne di età compresa tra 15 e 44 anni e con diagnosi di COVID-19 ha rivelato che le donne incinte avevano un rischio di morte del 70% maggiore rispetto a quelle che non lo erano, secondo i Centers for Disease Control e Prevenzione.

Anche la ventilazione invasiva, l’ammissione all’unità di terapia intensiva e l’ECMO erano più comuni tra le donne in gravidanza rispetto alle donne non gravide. ECMO sta per ossigenazione extracorporea della membrana. È una procedura che rimuove il sangue dal corpo, lo fa passare attraverso una macchina che lo elimina dall’anidride carbonica e reinserisce il sangue ricco di ossigeno nel corpo.

Il nuovo studio pubblicato lunedì arriva dopo un precedente rapporto di giugno che ha trovato risultati simili su donne in gravidanza e COVID-19, ad eccezione di un aumento del rischio di morte per malattia.

Le donne incinte di 35-44 anni e positive al COVID-19 avevano quasi quattro volte più probabilità di richiedere ventilazione invasiva e il doppio delle probabilità di morire rispetto alle donne non gravide della stessa età.

Inoltre, le donne ispaniche avevano 2,4 volte il rischio di morte.

La comprensione del rischio rappresentato dall’infezione da SARS-CoV-2 nelle donne in gravidanza può informare la pratica clinica, la comunicazione del rischio e l’assegnazione delle contromisure mediche“, si legge nel rapporto. “Le donne incinte dovrebbero essere informate del loro rischio di malattia grave associata a COVID-19 e dei segnali di pericolo di COVID-19 grave“.

Tra il 22 gennaio e il 3 ottobre, circa 409.000 donne nel caso di studio avevano un COVID-19 sintomatico, comprese 23.434 donne incinte – 34 delle quali sono morte, pari a 1,5 decessi per 1.000 casi.

Delle 386.028 donne non gravide che sono risultate positive al COVID-19, altre 447 sono morte per complicanze del coronavirus, o 1,2 morti per 1.000 casi, afferma il CDC

I ricercatori affermano che questi numeri potrebbero essere spiegati da cambiamenti fisiologici che si verificano durante la gravidanza, come aumento della frequenza cardiaca, maggiore consumo di ossigeno, diminuzione della capacità polmonare, aumento del rischio di formazione di coaguli di sangue e indebolimento del sistema immunitario.

CDC conferma donne incinte maggiore rischio decesso Covid-19

Le donne incinte più giovani tra i 15 ei 24 anni hanno affrontato il triplo del rischio di ricevere una ventilazione invasiva rispetto alle donne non gravide della stessa età.

Per ridurre al minimo il rischio di contrarre l’infezione da SARS-CoV-2, le donne incinte dovrebbero limitare il più possibile le interazioni non necessarie con le persone che potrebbero essere state esposte o che sono state infettate da SARS-CoV-2, comprese quelle all’interno della loro famiglia“, si legge il rapporto.

Quando escono o interagiscono con gli altri, le donne incinte dovrebbero indossare una mascherina, una distanza sociale, evitare le persone che non indossano una mascherina e lavarsi spesso le mani. Inoltre, le donne incinte dovrebbero adottare misure per garantire la loro salute generale, incluso il tenersi al passo con la vaccinazione antinfluenzale annuale e le cure prenatali“.

Potrebbero interessarti

Ieri 1° Dicembre 2014 si è tenuta la Giornata Mondiale contro l’AIDS

Come ogni anno,anche quello di ieri,lunedì 1° Dicembre 2014, è stato il…

Chemioterapia in gravidanza, adesso si può

Una ricerca internazionale che ha coinvolto anche il nostro paese, ha dichiarato…

Lorenzin ringrazia Umberto Veronesi a nome di tutte le donne

Dopo la notizia dell’addio di Umberto Veronesi alla carica di direttore dello…

Il caramello è tossico, attenzione ai prodotti per bambini

Brutta notizia per tutti i golosi e soprattutto per tutti i golosi…