4 tipi di mal di testa e come curarli

4 tipi di mal di testa e come curarli

I 4 tipi di mal di testa e come curarli

Tutti ne vivranno uno ad un certo punto della vita, ma non tutti i mal di testa sono gli stessi, e anche la dieta può fare la differenza.

Quando sei l’ignara vittima di un mal di testa, il dolore può essere così intenso che sembra penetrare nel cervello. Chiunque soffra di mal di testa regolari vi dirà che i sintomi spiacevoli, anche se solo temporanei, possono essere estremamente debilitanti, riuscendo a bloccare anche la propria attività sociale e rendendo le attività lavorative quasi impossibili.

Per fortuna, la maggior parte dei mal di testa andrà via da soli e non sono un segno di nulla di serio. Nei casi più gravi, però, possono indugiare per giorni, causando vomito, sensibilità alla luce e problemi visivi.

Ma non devi essere schiavo del dolore. Comprendendo meglio come funziona il tuo cervello, puoi trovare le tecniche per stroncare la tortura sul nascere.

La nutrizionista Dora Walsh spiega i tipici tipi di dolore associati a mal di testa ed emicranie, e come ciò che si mangia e si beve può aiutarci a lenirli.

1. Mal di testa da tensione

Il tipo più comune di mal di testa è chiamato mal di testa da tensione”, dice Walsh. “Di solito è caratterizzato da un dolore opaco, sotto pressione su entrambi i lati della testa e sulla fronte – e puoi anche sentirlo nelle spalle e nel collo“.

“È importante notare che se si soffre di qualsiasi tipo di mal di testa, assicurarsi di bere molta acqua per rimanere idratati e mantenere livelli di zucchero nel sangue coerenti mangiando pasti regolari. Evitare anche l’alcol, poiché causerà dolore peggio.”

Se si verificano regolarmente mal di testa al lavoro, potrebbe essere il momento di valutare sia il carico di lavoro che ad esempio la postura se siamo seduto al computer, poiché Walsh spiega che le contrazioni muscolari possono essere spesso peggiorate fissando uno schermo per troppo tempo, una cattiva postura o uno stress emotivo.

2. Dolore alla testa che pulsa

Un forte dolore pulsante nella tua testa è probabilmente un segnale che hai un’emicrania in arrivo.

Gli scienziati hanno scoperto che gli ormoni, la serotonina e gli estrogeni, possono causare l’infiammazione dei vasi sanguigni, portando al dolore pulsante”, dice Walsh. “Questo legame con gli ormoni può anche essere il motivo per cui alcune donne provano l’emicrania immediatamente prima del loro ciclo, infatti l’emicrania colpisce tre volte più donne che uomini”.

Walsh spiega che mentre la causa di mal di testa ed emicranie è ancora un po’ un mistero, è chiaro che alcuni cibi potrebbero scatenarli. I tipi di cibo che provocano dolore possono variare completamente da persona a persona.

Se sospetti che possa essere dovuto al cibo, per aiutare a identificare ciò che lo innesca, prova a tenere un diario alimentare per registrare il cibo e come ti senti in seguito in modo da poter individuare qualsiasi schema calcolando i tempi in cui la prossima emicrania colpisce“.

3. Mal di testa che causano problemi di vista

Se ti si presentano delle linee, macchie sfocate, allora si tratta del mal di testa con aura – un sintomo che spesso precede il dolore di un’emicrania.

Walsh spiega: “I neuroscienziati hanno scoperto che le aure sono il risultato di onde elettriche nel cervello che si diffondono da un punto di stimolazione elettrica per influenzare altre funzioni.

“La carenza di magnesio è stata collegata a mal di testa ed emicranie e studi hanno dimostrato che l’ossido di magnesio può aiutare a prevenire l’emicrania con aure, quindi è importante assumere abbastanza magnesio nella dieta. Puoi provare ad aumentare gli alimenti ricchi di magnesio nella tua dieta, come noci e semi, mentre uova e latte sono anche buone fonti.

4. Mal di testa e nausea

La ricerca ha dimostrato che le persone che subiscono regolarmente sintomi gastrointestinali – come il reflusso o la diarrea – hanno un più alto tasso di mal di testa e che l’emicrania può effettivamente rallentare il sistema digestivo.

Il ritardo digestivo causato da emicrania è chiamato” stasi gastrica “e può essere il risultato di una maggiore attività del sistema nervoso, che può verificarsi quando colpisce un emicrania“, dice Walsh.

È il cibo non digerito nello stomaco che può essere la causa della nausea che si prova, che può portare al vomito, ma potrebbe anche essere il motivo per cui così tante persone che soffrono di emicrania perdono l’appetito.

Per alleviare la nausea, Walsh suggerisce di sorseggiare delicatamente acqua, tè allo zenzero o alla menta e provare a rosicchiare cibi neutri come cracker secchi o toast. È anche fondamentale assicurarsi che tu riesca a riposare per aiutare il tuo corpo a recuperare.

Chi soffre di emicrania che manifesta gravi effetti fisici dovrebbe sempre parlare con un farmacista o prenotare un appuntamento con il proprio medico di famiglia, per aiutare a gestire i sintomi in modo più efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *