Bologna, uomo ucciso per circa duemila euro

Redazione

Negli anni il denaro è sempre stato tra i moventi principali degli omicidi anche più efferati: non sono mancati neppure numerosi casi di genitori che sono arrivati ad uccidere i genitori per l’eredità.

Ma questo caso appare ancora più insensato perché la cifra che ha armato le mani è quasi ridicola e spinge a chiedersi se una vita umana può essere valutata così poco.

Nelle scorse ore, a Bologna, due coniugi, di Bologna, di origini napoletane, sono stati arrestati e indagati per omicidio preterintenzionale, rapina pluriaggravata e indebito utilizzo di carte di pagamento: la coppia avrebbe avvelenato un amico per sottrargli il bancomat, da cui avrebbe poi prelevato circa duemila euro.

Ucciso per duemila euro.

La vittima, 63 anni, originario di Ferrara ma residente a Bentivoglio (Bologna): per sei giorni il cadavere è rimasto nella sua auto, prima che qualcuno se ne accorgesse.

In un primo momento il decesso  sembrava avvenuto per cause naturali, secondo le indagini dei Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di San Lazzaro e della Stazione di Granarolo, ma sarebbe invece stato indotto dalla somministrazione di due potenti psicofarmaci, probabilmente sciolti in una bevanda alcolica.

Next Post

Donal Trump, cibi più saporiti e meno salutari nelle scuole americane

Mentre in Italia si discute ancora se una donna debba stare un passo indietro rispetto all’uomo, durante il suo mandato come presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha sempre dimostrato di tenere in grande considerazione sua moglie ed anche le sue idee politiche e le sue campagne. Proprio grazie a […]
Donal Trump cibi piu saporiti e meno salutari nelle scuole americane