Coronavirus e polline, un mix che peggiora la situazione

Redazione

Il polline e il cosiddetto raffreddore da fieno sono terreno fertile per il coronavirus.

Coronavirus e polline un mix che peggiora la situazione

Nel 2020, l’epidemia di coronavirus in Cina ha assunto una dimensione globale all’inizio della primavera. Fattori ambientali come la temperatura o l’umidità hanno favorito il suo sviluppo molto probabilmente.

Uno studio pubblicato su PNAS , condotto da scienziati tedeschi, spagnoli e americani, offre alcune risposte a questa domanda. Secondo questo lavoro, la temperatura, l’umidità e più particolarmente la concentrazione di polline nell’aria influenzano positivamente il tasso di infezione di SARS-CoV-2 .

Il polline, infatti, è noto per il suo potere immunosoppressivo nel tratto respiratorio. Inibisce la produzione di interferoni, componente essenziale dell’immunità antivirale, facilitando così l’infezione da virus respiratori stagionali. Questa ipotesi, che non è stata dimostrata per SARS-CoV-2, sembra spiegare le osservazioni fatte dal team internazionale di ricercatori.

Questi hanno raccolto dati meteorologici e la quantità di polline nell’aria in 31 paesi, principalmente in Europa da marzo ad aprile 2020. A quel tempo, la quantità media di polline era di 240 grani per metro cubo d’aria.

Gli scienziati hanno così studiato il tasso di infezione del coronavirus mentre l’epidemia era nella sua fase esponenziale, secondo quattro variabili: una bassa e grande quantità di polline nell’aria, una bassa e alta densità di popolazione.

Hanno osservato che il polline aumenta il tasso di infezione nelle aree scarsamente popolate, e ancora di più nelle aree densamente popolate. Pertanto, le regioni densamente popolate dove la concentrazione di polline nell’aria è molto alta hanno il più alto tasso di infezione.

I ricercatori indicano nella loro pubblicazione che “il polline è un fattore modulante nella progressione delle infezioni da SARS-CoV-2, aggiungendo potenzialmente dal 10 al 30% al tasso di infezione“.

Next Post

La salute della ossa deriva anche da carne e latticini

La saluta delle ossa è dovuta anche ad una dieta dove non devono mancare latticini e carne. I ricercatori tedeschi dell’Istituto federale per la valutazione dei rischi (BFR) hanno scoperto che il consumo di carne e latticini contribuisce alla buona salute delle ossa. Questa scoperta deriva da un’osservazione di 36 […]