Covid-19, mutazione virus alla base degli asintomatici
Covid-19 mutazione virus alla base degli asintomatici

I ricercatori confermano di aver scoperto come il virus SARS-CoV-2 è in grado di diffondersi tra persone che non hanno nemmeno i sintomi.

Il virus alla base della pandemia COVID-19 ha infettato decine di milioni di persone e ucciso almeno 1,1 milioni da quando ha fatto il salto verso gli esseri umani nel 2019. 

Il vantaggio chiave che ha rispetto al suo predecessore SARS-CoV-1 – il virus mortale dietro l’epidemia di SARS del 2003, che è stato fermato prima che potesse diventare globale – è che può diffondersi in modo asintomatico

Una caratteristica cruciale che contribuisce alla diffusione globale del COVID-19 è che lo spargimento virale inizia prima della comparsa dei sintomi; al contrario, lo spargimento è iniziato due-10 giorni dopo l’inizio dei sintomi durante l’epidemia di SARS del 2003“, hanno scritto gli scienziati della Duke University in un nuovo documento .

Le mutazioni che contribuiscono alla trasmissione virale sarebbero probabilmente favorite dalla selezione naturale, rendendo i test di selezione positivi, uno strumento utile per identificare i cambiamenti genetici candidati responsabili delle proprietà uniche di SARS-CoV-2“.

Covid-19 mutazione virus alla base degli asintomatici

Confrontando il virus SARS-CoV-1 con i relativi coronavirus nei pipistrelli e nei pangolini, gli scienziati della Duke hanno scoperto altre due mutazioni “silenziose” che ritengono potrebbero essere alla base dell’infettività del virus, denominate “Nsp4” e “Nsp16”.

Nsp4 e Nsp16 sono tra le prime molecole di RNA che vengono prodotte quando il virus infetta una nuova persona“, ha detto l’autore principale Alejandro Berrio. 

Non sono stati notati prima perché le mutazioni non producono proteine. Invece, sembrano influenzare il modo in cui il virus si ripiega in forme diverse una volta che ha infettato una cellula umana. 

In qualche modo stanno dando al SARS-CoV-2 un vantaggio biologico, ma non è del tutto chiaro come: si sospetta che aiutino il virus a diffondersi prima che una persona infetta inizi a mostrare i sintomi, ammesso che mostri i sintomi.

Le scansioni per la selezione positiva si concentrano tipicamente sui cambiamenti nella funzione delle proteine ​​e molto meno spesso considerano la possibilità di cambiamenti adattativi nella funzione dell’RNA“. 

Facendo luce sulle regioni del genoma SARS-CoV-2 che sembrano essere sotto selezione positiva ma che è improbabile che alterino la funzione della proteina, i nostri risultati illustrano il valore di valutare il potenziale di cambiamenti adattativi nelle strutture secondarie all’interno dei genomi dell’RNA virus.

Potrebbero interessarti

Antrace, pericolo di infezione per 75 scienziati

Un errore umano può mettere a rischio la vita di molte persone.…

Nuovi test ai nascituri per contrastare difetti genetici

Con un semplice test fatto a poche ore dalla nascita si possono…

Mal di testa, un verme nella testa da quattro anni

Una vicenda che sembra non essere reale quella accaduta a un uomo…

Fumo passivo, maggiori rischi sono per i bambini

Ormai il fumo non è più solo un problema per le tasche,…