Covid-19 può peggiorare i sintomi dell’acufene
Covid-19 puo peggiorare i sintomi de acufene

Un nuovo studio che arriva dal Regno Unito mostra che il COVID-19 e le restrizioni che sono legate al virus potrebbero peggiorare i sintomi dell’acufene.

Lo studio dell’Anglia Ruskin University, pubblicato giovedì su Frontiers in Public Health, ha intervistato 3.103 persone provenienti da 48 paesi sulle loro esperienze con l’acufene durante la pandemia di COVID-19. È emerso che il 40% degli intervistati che avevano manifestato sintomi di COVID-19 presentava contemporaneamente un peggioramento dei sintomi di acufene.

L’acufene è una condizione comune in cui le persone sperimentano ronzii, fischi, fruscii o ruggiti nelle orecchie, sebbene i suoni siano indipendenti dai rumori intorno a loro.

Il cinquantotto per cento degli intervistati che erano risultati positivi al virus ha riferito un peggioramento dei sintomi del tinnito, anche se solo 26 persone avevano ricevuto un test positivo.

Covid-19 puo peggiorare i sintomi de acufene

Ero troppo malato per accorgermene in quel momento, ma l’acufene è decisamente molto peggio ora che sto abbastanza meglio da notarlo“, ha scritto nel questionario una donna di 55 anni del Regno Unito. 

Data la percentuale di intervistati con sintomi COVID-19 che hanno sperimentato un peggioramento del tinnito, i ricercatori ritengono che i medici dovrebbero prestare attenzione alla condizione tra i loro pazienti.

Coloro che hanno avuto il COVID-19 dovrebbero essere monitorati per i cambiamenti nei problemi legati all’udito, come l’inizio o il peggioramento del tinnito“, afferma il rapporto. “Molto probabilmente c’è anche una coorte di pazienti che hanno avuto un insorgenza di acufene durante questo periodo e che avranno bisogno di accedere alle cure cliniche per il loro acufene“.

Lo studio ha anche esaminato la vita con l’acufene durante la pandemia e ha scoperto che l’esperienza variava ampiamente da persona a persona. Ad esempio, alcuni intervistati hanno riferito di restare a casa più spesso per calmare e alleviare i sintomi, mentre altri hanno riscontrato che il silenzio ha esacerbato il problema.

Noto di più il mio acufene perché sono bloccato in casa mia tutto solo senza nessuno con cui parlare“, ha detto un 45enne del Regno Unito.

Complessivamente, il 34% degli intervistati ha riscontrato che i cambiamenti nello stile di vita derivanti dalla pandemia hanno esacerbato il loro acufene.

Coloro che sono più socialmente isolati, soli, così come quelli con un sonno scarso, sono maggiormente a rischio di aumentare la gravità del tinnito“, hanno detto i ricercatori. “Evidenzia l’eterogeneità dell’acufene con molte persone che rispondono bene e altre che lottano durante la pandemia e hanno bisogno di ulteriore supporto“.

Potrebbero interessarti

Continuano gli abbandoni di cani e gatti da parte di padroni disumani

Le vacanze sono ormai iniziate da un bel po, e nonostante le…

Stop al dolore cronico con un microchip sotto pelle

Se il dolore non risponde più ai trattamenti tradizionali, allora c’è la…

Autopalpazione in diretta scandalizza i britannici

Doveva essere un programma dedicato alla prevenzione ma evidentemente il rigore dei…

Morbillo epidemia a Bologna, ondata di contagi

Un ondata anomala di morbillo si sta registrando in questi giorni a…