Demenze senili, scoperta nuova forma simile all’Alzheimer

Demenze senili scoperta nuova forma simile Alzheimer

Quando si parla di demenza senile si fa riferimento a una malattia neurodegenerativa dell’encefalo, che colpisce le persone anziane e determina una riduzione graduale e irreversibile delle facoltà cognitive.

Ve ne sono differente tipologie e le più note sono il morbo di Alzheimer, la demenza vascolare e la demenza a corpi di Lewy.

Ma a quanto pare gli scienziati ne hanno appena identificata un’altra, e non è affatto da sottovalutare: milioni di anziani al mondo presenterebbero infatti una forma di demenza erroneamente diagnosticata come Alzheimer, ma che vede coinvolta un’altra proteina presente nel cervello.

A dirlo è uno studio pubblicato sulla rivista Brain, frutto di una collaborazione internazionale coordinata dall’Università del Kentucky, i cui risultati possono spiegare, in parte, perché la ricerca di una cura per l’Alzheimer abbia finora fallito.

Secondo gli scienziati, fino a un terzo dei presunti casi di Alzheimer potrebbe esser stato causato, in realtà, da una condizione ora individuata e descritta: l’encefalopatia Tdp-43. All’origine vi è l’accumulo della proteina Tdp-43 nel cervello, una condizione che, secondo studi effettuati post mortem, è presente in un anziano su quattro dopo gli 85 anni.

«Questa patologia è stata sempre presente, ma la riconosciamo ora per la prima volta», spiega l’autore principale, Pete Nelson, dell’Università del Kentucky.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *