Donna pratica aborto al settimo mese di gravidanza. La Procura indaga

Redazione

E’ finita nei guai una donna di 32 anni di Salerno che lo scorso 8 Marzo si è recata nella Clinica ginecologica nell’azienda ospedaliera di Padova per effettuare una particolare operazione ovvero l’interruzione della gravidanza. Secondo la legge 194 del 1978 è possibile praticare l’aborto volontario ,in Italia, entro i primi tre mesi di gravidanza, senza dover dimostrare che proseguire la gravidanza comporti alcun pericolo fisico o psichico per la donna o il feto.

Superando i novanta giorni, invece, si può praticare l’interruzione di gravidanza solo in presenza di disturbi mentali del genitore o patologie gravi presenti nel feto. Qualche giorno prima l’intervento in questione la donna era stata sottoposta a degli esami e in base a quello che si legge nella cartella clinica il feto aveva 22 settimane e due giorni, poco più di 5 mesi. Bisogna dunque capire quale sia stato il motivo per cui la donna sia stata sottoposta all’aborto.

A denunciare il fatto sono stato gli stessi ginecologi che, dopo aver operato la 32enne, si sono trovati di fronte un feto del peso di 705 grammi, una dimensione corrispondente a 27 settimane, quasi il settimo mese e che non corrispondeva a quello che era stato il periodo di gestazione indicato dalla giovane “mamma”. La donna è stata denunciata per procurato aborto.

Next Post

Britney Spears cade a Las Vegas e si infortuna la caviglia. Rinviati due concerti

Una cattiva notizia ha colto di sorpresa i milioni di fan della celebre cantante, ballerina, attrice, stilista, cantautrice e personaggio televisivo statunitense Britney Jean Spears, semplicemente conosciuta in tutto il mondo come Britney Spears. La bellissima oltre che molto amata artista, stava esibendosi lo scorso 29 Aprile, nel corso di […]