I primi segni del morbo di Alzheimer da tenere d’occhio

I primi segni del morbo di Alzheimer da tenere docchio

Quali sono i primi segni del morbo di Alzheimer da tenere d’occhio?

Quali tipi di sintomi sono in realtà segni precoci della malattia di Alzheimer o si presentano in modo diverso nelle fasi iniziali?

Nella prima fase della malattia di Alzheimer, le persone in realtà non mostrano alcun sintomo. L’Alzheimer è un disturbo progressivo del cervello che avviene a fasi, distruggendo lentamente la memoria di una persona, le funzioni cognitive e infine anche molte delle capacità fisiche.

La condizione si verifica in cinque diversi stadi, a partire da quello che è noto come malattia preclinica da Alzheimer. Questo è quando una persona non mostra alcun segno della condizione, ma il suo cervello sta subendo cambiamenti che alla fine causeranno i sintomi.

Durante questo periodo, i depositi proteici nel cervello formano aggregati anomali che interrompono il modo in cui le cellule cerebrali comunicano, spiega la Clinica Mayo. Il cervello inizia anche a creare fasci aggrovigliati delle fibre necessarie per trasportare materiali essenziali per una corretta funzione cerebrale, come i nutrienti. Questi cambiamenti significano che i neuroni che prima erano sani smettono di funzionare, perdono le connessioni con altri neuroni e muoiono, secondo il National Institute on Aging (NIA).

Ci sono ancora molti scienziati che rivelano di non conoscere la malattia di Alzheimer fino in fondo, ma si ritiene che questo danno al cervello di una persona possa iniziare 10 anni o più prima che compaiano i sintomi, secondo la Mayo Clinic .

Può sembrare che i problemi di memoria siano il primo segno dell’Alzheimer. Possono esserlo, ma molte persone con questa condizione sperimentano prima i problemi con altre funzioni cognitive.

Il secondo stadio dell’Alzheimer, ovvero il primo in cui le persone mostrano i sintomi, è noto come lieve danno cognitivo dovuto al morbo di Alzheimer, spiega la clinica Mayo .
Segni di questo spesso includono problemi nel trovare le parole giuste, problemi nell’elaborazione accurata di informazioni visive o spaziali e problemi di ragionamento o giudizio, afferma NIA .

Tuttavia, in questa fase è anche possibile avere problemi di memoria e non essere in grado di ricordare cose come le chiacchierate recenti o gli appuntamenti imminenti che sono stati fatti di recente, dice la Mayo Clinic .

Questi sintomi possono essere facilmente trascurati“, ha dichiarato Scott Kaiser , MD, medico di famiglia e geriatra presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California, perché non sono abbastanza importanti da influenzare la vita quotidiana di una persona.

Man mano la malattia progredisce verso una “leggera demenza dovuta al morbo di Alzheimer“, ovvero quando alle persone viene diagnosticata, i sintomi diventano più vari e intensi.

Per esempio, si può iniziare a fare le stesse domande su qualcosa per la quale poco prima avevamo già ricevuto una risposta, proprio perché si continua a dimenticare la risposta, dice la Mayo Clinic .

Problemi più gravi come la risoluzione di problemi di tutti i giorni e il processo decisionale possono portare alle fasi successive, le persone possono anche cominciare a sentirsi sempre meno familiari nel loro ambiente e vagare alla ricerca di un luogo che si sente più riconoscibile fino a perdersi.

Questo è anche il momento in cui i cambiamenti di personalità possono iniziare ad apparire, dice la Mayo Clinic . Una persona con l’Alzheimer potrebbe sperimentare più ansia o rabbia, per esempio.

Ancora una volta, c’è molto che gli esperti devono ancora capire sul morbo di Alzheimer, ma la ragione di questi diversi sintomi dipende probabilmente da dove il danno ha avuto luogo nel cervello di una persona, dice il Dr. Kaiser. Per esempio, se qualcuno ha un danno al lobo frontale, che controlla la personalità tra le altre cose, possono sperimentare irritabilità, cambiamenti di umore e difficoltà a regolare il loro comportamento. I problemi visivi e spaziali possono essere dovuti alla formazione della malattia nel lobo occipitale, che è importante per l’elaborazione della visione, dice il dottor Grant.

Se sospetti che una persona cara possa mostrare i primi segni del morbo di Alzheimer, è importante consultare un medico il prima possibile.

Con un controllo accurato è possibile anche esaminare la situazione e magari scoprire che i sintomi sono dovuti a qualcosa di potenzialmente reversibile. Per esempio, gli anziani sono a maggior rischio di ematoma subdurale, che è il sanguinamento cerebrale che può accadere dopo una caduta, dice la Mayo Clinic.

Se i sintomi sono effettivamente dovuti all’Alzheimer, ottenere una diagnosi corretta può aiutare qualcuno a iniziare il trattamento il più rapidamente possibile, il che è veramente essenziale quando si tratta di questa malattia.

Diversi farmaci sono stati approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per trattare i sintomi dell’Alzheimer, e possono anche aiutare a rallentare la progressione della malattia, dice l’ NIA . I farmaci agiscono interferendo con i neurotrasmettitori, le sostanze chimiche che trasmettono messaggi tra i neuroni e possono aiutare a ridurre i sintomi, afferma la NIA . Tuttavia, non possono offrire una cura.

Ci sono anche molti studi clinici attivi che stanno avendo luogo nella ricerca di trattamenti promettenti per l’Alzheimer, spiega la NIA . Molti si concentrano sulle prime fasi della malattia, quindi è il momento ideale per iniziare a esprimere interesse per la partecipazione.

Infine, ottenere la diagnosi di Alzheimer il più presto possibile è essenziale perché permette a una persona di mettere ordine nei propri affari e cercare l’aiuto di cui potrebbe aver bisogno, dice il dottor Grant. Questo generalmente li aiuterà a pianificare come possono sfruttare al massimo il tempo che gli è rimasto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *