Il fumo può aumentare il rischio di contagio da Covid?

Redazione

I ricercatori negli Stati Uniti hanno condotto un’analisi dettagliata esaminando il fattore rischio fumo se aumenta o diminuisce il rischio di risultare positivi per il coronavirus (COVID-19).

La revisione retrospettiva del grafico del team dei pazienti che sono risultati positivi o negativi per COVID-19 durante il ricovero ha rilevato che il fumo era associato a un aumentato rischio di essere risultati positivi tra i pazienti di età compresa tra 40 e 49 anni.

D’altra parte, uomini e pazienti di età compresa tra 50 e 69 anni avevano un rischio maggiore di risultare positivi per COVID-19, indipendentemente dal loro stato di fumatori.

Lo studio ha anche scoperto che nessuna storia di fumatori era associata a un ridotto rischio di risultare positivi nei pazienti con insufficienza cardiaca congestizia (CHF), broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) e morbo di Parkinson.

Dall’inizio dell’epidemia di COVID-19 a Wuhan, in Cina, alla fine dell’anno scorso (2019), l’associazione tra il fumo e il rischio di sviluppare la malattia è stata di notevole interesse per i ricercatori.

Gli studi hanno riportato un’alta prevalenza di non fumatori e una bassa prevalenza di fumatori attuali ed ex tra i pazienti COVID-19, portando alcuni a ipotizzare che il fumo riduca il rischio di risultare positivi per COVID-19

Il fumo puo aumentare il rischio di contagio da Covid

Inoltre, uno studio basato sulla popolazione condotto in Israele ha rilevato che i fumatori non avevano un rischio maggiore di risultare positivi per COVID-19, rispetto ai fumatori attuali ed ex fumatori, mentre un’analisi dei dati della Biobank britannica non ha rilevato alcuna associazione tra fumo e COVID- 19 positività.

Samson Barasa e la squadra hanno condotto una revisione retrospettiva tabella dei pazienti ospedalizzati (età compresa tra 18 anni e più) che avevano risultati positivi (n = 117) o negativo (n = 277) per COVID-19 tra il 2° febbraio 2020 e il 21° ottobre 2020.

Utilizzando l’analisi di regressione di Poisson, i dati sono stati stratificati in base allo stato dei fumatori (non fumare rispetto a una storia di fumo attuale o precedente) e analizzati dopo l’aggiustamento per una serie di potenziali variabili confondenti.

Lo studio ha rilevato che mentre i pazienti positivi per COVID-19 avevano una prevalenza significativamente inferiore di fumatori attuali rispetto ai pazienti negativi per COVID-19 (9% contro 18%), avevano anche una maggiore prevalenza di non fumatori (54% contro 42%).

La prevalenza di ex fumatori era simile tra i pazienti positivi e negativi, rispettivamente del 37% e del 39%.

I fumatori attuali ed ex fumatori di età compresa tra 40 e 49 anni avevano maggiori probabilità di risultare positivi per COVID-19 rispetto ai non fumatori della stessa fascia di età.

Al contrario, i pazienti che erano maschi e i pazienti di età compresa tra 50 e 69 anni avevano maggiori probabilità di risultare positivi per COVID-19, indipendentemente dal loro stato di fumatori.

I pazienti con malattia renale allo stadio terminale e condizioni virali respiratorie non COVID-19 avevano un rischio inferiore di risultare positivi per COVID-19, indipendentemente dal loro stato di fumatori.

Tuttavia, tra i pazienti con CHF, BPCO e morbo di Parkinson, i non fumatori avevano meno probabilità di risultare positivi per COVID-19.

Next Post

Coronavirus: La Svizzera frena sul vaccino

Mentre altri paesi si preparano per la rapida introduzione dei vaccini Covid-19, la Svizzera sta percorrendo un percorso più lento, privilegiando la cautela rispetto alla velocità, secondo un importante esperto di vaccini. La Gran Bretagna e la Russia inizieranno entrambe la vaccinazione di massa questa settimana, mentre le autorità di […]
La Svizzera frena sul vaccino