Kim Jong-Un non ha fatto i conti con il coronavirus

Redazione

Nonostante l’epidemia di coronavirus abbia praticamente devastato il mondo per più di un anno e mezzo, fino ad ora la Corea del Nord ha continuato a dichiarare che non ci sono casi confermati nel Paese.

Tuttavia, il Daily NK, gestito da disertori nordcoreani, ha riferito che le autorità di Pyongyang sono a conoscenza di molti casi. Dopo che alcuni soldati sono morti per l’epidemia, ha deciso di rafforzare la prevenzione, il Leader Supremo Kim Jong Un era su tutte le furie per l’incidente.

Kim Jong-Un non ha fatto i conti con il coronavirus

Secondo una fonte militare di Gangwon-do, nei mesi di luglio e agosto, un totale di 45 soldati della Corea del Nord sono morti nel reparto temporaneo “malattie infettive” gestito dal quartier generale del Secondo Corpo d’Armata.

Un’altra fonte ha anche rivelato che dopo che il servizio sanitario dell’esercito nordcoreano ha ricevuto statistiche sul numero di morti nel nuovo reparto dedicato al coronavirus, è stato rimproverato dai superiori per il numero inaspettato di morti e l’ospedale era in uno stato di caos.

La fonte ha anche affermato che il leader supremo della Corea del Nord Kim Jong-un, era molto arrabbiato quando ha ricevuto la notizia. E alla riunione del Politburo è stato annunciato che la politica di prevenzione e isolamento dell’epidemia sarebbe stata rafforzata.

Next Post

Moderna lancia il vaccino combinato: Covid e influenza

L’azienda farmaceutica Moderna Inc. ha annunciato giovedì che sta sviluppando un vaccino monodose che combina una dose di richiamo contro il Covid-19 e un richiamo per l’influenza. La Modern Company ha dato l’annuncio che ha preso alla sprovvista tutti: sta lavorando ad un siero che combina la dose anti-COVID-19 e […]
Moderna lancia il vaccino combinato Covid e influenza