La dieta del digiuno: combatte le malattie e rallenta invecchiamento

La dieta del digiuno combatte le malattie e rallenta invecchiamento

La nuova dieta che imita il digiuno può combattere le malattie e rallentare l’invecchiamento

Il digiuno è di gran moda. Tante diete promettono di bruciare il grasso in eccesso, rinforzare il tuo DNA e prolungare la tua vita. Un nuovo studio scientifico ha sottolineato alcune indicazioni sulla salute relative al mangiare meno. La sperimentazione clinica rivela che ridurre gli alimenti per soli 5 giorni al mese potrebbe aiutare a prevenire o migliorare malattie legate all’età come diabete e malattie cardiovascolari.

Non è banale fare questo tipo di studio“, dice il biologo circadiano Satchidananda Panda del Salk Institute for Biological Studies di San Diego, in California, che non era collegato alla ricerca. “Quello che hanno fatto è encomiabile“.

Precedenti studi su roditori e umani hanno suggerito che il digiuno periodico può ridurre il grasso corporeo, ridurre i livelli di insulina e fornire altri benefici. Ma ci sono molti modi per digiunare. Uno dei programmi più conosciuti, la dieta 5:2, ti permette di mangiare normalmente per 5 giorni a settimana. In ognuno degli altri 2 giorni, ti limiti a 500-600 calorie, circa un quarto di ciò che un organismo medio consuma.

Un’alternativa è la cosiddetta dieta che del digiuno, ideata dal biochimico Valter Longo dell’Università della California del Sud a Los Angeles e colleghi. Per la maggior parte del mese, i partecipanti mangiano tutto ciò che vogliono. Poi per cinque giorni consecutivi si attengono a un menu che include barrette energetiche e zuppe, consumando circa 700 a 1100 calorie al giorno.

Il cibo, prodotto da una società che Longo ha contribuito a fondare (ma da cui non riceve alcun beneficio finanziario), è ricco di grassi insaturi ma povero di carboidrati e proteine, una combinazione che può spronare il corpo a ristabilirsi e bruciare il grasso immagazzinato. Due anni fa, il team di Longo ha riferito che i topi nella versione “roditrice” della dieta vivevano più a lungo e mostravano altri effetti positivi, come la glicemia ridotta e un minor numero di tumori. Hanno anche presentato dati preliminari che suggeriscono benefici per la salute negli esseri umani.

Ora, i ricercatori hanno completato uno studio clinico randomizzato in cui 71 persone hanno seguito la dieta a digiuno per 3 mesi, mentre i volontari nel gruppo di controllo non hanno cambiato le loro abitudini alimentari. Nel complesso, la dieta ha perso una media di 2,6 chilogrammi (5,7 libbre), mentre il gruppo di controllo è rimasto sullo stesso peso, lo riferiscono gli scienziati oggi online su Science Translational Medicine. I tagli delle hanno visto riduzioni della pressione sanguigna, del grasso corporeo e del giro vita.

Una prova di 3 mesi non può determinare se la dieta aumenta la longevità negli esseri umani come nei topi, che raramente sopravvivono oltre un paio d’anni. Ma Longo nota che i livelli del fattore di crescita insulino-simile 1, un ormone che promuove l’invecchiamento nei roditori e in altri animali da laboratorio, sono presenti nel gruppo basso-cal. E i soggetti che erano a più alto rischio per malattie legate all’età hanno visto anche altri indicatori di malfunzionamento del metabolismo, come i livelli di glucosio nel sangue e il colesterolo totale.

Longo dice che questa dieta “tratta” l’invecchiamento, il fattore di rischio più importante per problematiche come il diabete e le malattie cardiovascolari. “Sembra che si possa affrontare il problema piuttosto che mettere un cerotto su di esso“, dice. In una sperimentazione di follow-up, il team spera di determinare se la dieta aiuta le persone che hanno già una malattia correlata all’età, probabilmente il diabete o sono suscettibili di una malattia.

La dieta è spesso difficile, ma il 75% dei partecipanti è riuscito a completare il processo, osserva il gerontologo Rafael de Cabo del National Institute on Aging degli Stati Uniti a Baltimora, nel Maryland, che non è stato coinvolto nel lavoro. Il prossimo passo, dice il fisiologo Eric Ravussin del Pennington Biomedical Research Center di Baton Rouge, è determinare se la dieta funziona anche nelle persone “che non sono in salute come quelle utilizzate in questo studio“.

La dietista della ricerca Michelle Harvie dell’Ospedale universitario di South Manchester nel Regno Unito aggiunge che desidera vedere studi più lunghi confermare che i benefici persistono e che le persone si attengono al regime. “Abbiamo bisogno di aiutare molte persone, ma cosa succede se solo il 2% di loro è disposto a farlo?

foto@Pxhere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *