La Nasa mostra un enorme canyon marziano

Redazione

Il Grand Canyon è certamente all’altezza del suo nome, ma non ha nulla a che vedere con un canyon sulla superficie di Marte. La NASA ha rilasciato nuove immagini del canyon più grande del sistema solare, che è quasi dieci volte più lungo del Grand Canyon e tre volte più profondo.

Il canyon è noto come Valles Marineris ed è un profondo e vasto sistema di canyon che si estende per più di 2500 miglia lungo l’equatore di Marte. Il massiccio sistema di canyon copre quasi il 25 percento dell’intera circonferenza di Marte. Per metterlo in prospettiva, rispetto al Grand Canyon, Valles Marineris è quasi dieci volte più lunga e tre volte più profonda.

Le nuove immagini sono state scattate utilizzando la fotocamera HiRISE (High Resolution Imaging Science Experiment) a bordo del Mars Reconnaissance Orbiter. Uno dei grandi misteri su Marte è come si sia formato esattamente un sistema di canyon così massiccio. Sulla Terra, il Grand Canyon si è formato nel corso di miliardi di anni dall’acqua corrente.

La NASA afferma che Marte è troppo caldo e secco per aver mai avuto un fiume abbastanza grande da due volte che ha tagliato la sua crosta e ha creato l’enorme sistema di canyon. L’ESA afferma che ci sono prove che l’acqua corrente potrebbe aver reso più profondi alcuni dei canali esistenti nei canyon centinaia di milioni di anni fa.

Gli scienziati ritengono che la maggior parte del canyon si sia probabilmente aperta miliardi di anni fa, quando un vicino supergruppo di vulcani noto come regione di Tharsis sporgeva per la prima volta dal suolo marziano. Il magma che ribolle sotto i massicci vulcani, tra cui Olympus Mons, potrebbe aver allungato e strappato la crosta, che alla fine è crollata negli avvallamenti e nelle valli che compongono oggi Valles Marineris. Le prove suggeriscono che il sistema Canyon è stato ulteriormente scolpito da frane, flusso di magma e antichi fiumi dopo la loro formazione.

Next Post

Quante galassie esistono nell’universo?

Negli anni ’90 gli astronomi hanno eseguito delle osservazioni molto particolari. Hanno puntato il telescopio più potente della storia, il telescopio spaziale Hubble, verso una macchia scura di cielo priva di stelle, gas o galassie conosciute. Ma in quel frammento di nulla, Hubble ha rivelato uno spettacolo mozzafiato: il vuoto […]
quante galassie esistono ne universo