Quante galassie esistono nell’universo?

Redazione

Negli anni ’90 gli astronomi hanno eseguito delle osservazioni molto particolari. Hanno puntato il telescopio più potente della storia, il telescopio spaziale Hubble, verso una macchia scura di cielo priva di stelle, gas o galassie conosciute. Ma in quel frammento di nulla, Hubble ha rivelato uno spettacolo mozzafiato: il vuoto era pieno di galassie.

Gli astronomi si sono chiesti da tempo quante galassie ci siano nell’universo, ma fino a Hubble, le galassie che potevamo osservare erano di gran lunga inferiori rispetto alle galassie più deboli nascoste dalla distanza e dal tempo. La serie Hubble Deep Field (gli scienziati hanno fatto altre due osservazioni di questo tipo) ha offerto una sorta di campione centrale dell’universo che risale quasi al Big Bang. Ciò ha permesso agli astronomi di stimare finalmente che la popolazione galattica fosse di almeno circa 200 miliardi.

quante galassie esistono ne universo

Più vai avanti (e indietro nel tempo), le galassie diventano più difficili da vedere. Una delle cause di ciò è la pura distanza che la luce deve percorrere. Una seconda ragione è dovuta all’espansione dell’universo. La lunghezza d’onda della luce di oggetti molto distanti è allungata (spostamento verso il rosso), quindi questi oggetti non possono più essere visti nelle porzioni principalmente ultraviolette e visibili dello spettro che Hubble è stato progettato per rilevare. Infine, la teoria suggerisce che le prime galassie erano più piccole e più deboli all’inizio e solo in seguito si sono fuse per formare le strutture colossali che vediamo oggi. Gli scienziati sono fiduciosi che queste galassie esistano. Semplicemente non sappiamo quante ce ne siano.

Nel 2016, uno studio pubblicato su The Astrophysical Journal da un team guidato da Christopher Conselice dell’Università di Nottingham ha utilizzato un modello matematico dell’universo primordiale per stimare quante di quelle galassie non ancora viste si nascondono appena oltre la vista di Hubble. In aggiunta alle osservazioni di Hubble esistenti, i loro risultati suggerivano che tali galassie costituissero il 90 per cento del totale, portando a una nuova stima: che ci potrebbero essere fino a due trilioni di galassie nell’universo.

Tali stime, tuttavia, sono un obiettivo mobile. Man mano che aumentano le osservazioni, gli scienziati possono ottenere una migliore gestione delle variabili in gioco e aumentare l’accuratezza delle loro stime.

C’è un altro vincolo sulle osservazioni di Hubble. Non solo non può risolvere direttamente le prime galassie, ma non può nemmeno rilevare la loro luce a causa del bagliore diffuso della “luce zodiacale”. Causata da un alone di polvere che diffonde luce all’interno del sistema solare, la luce zodiacale è estremamente debole, ma proprio come l’inquinamento luminoso sulla Terra, può oscurare anche oggetti più deboli nell’universo primordiale.

La navicella New Horizons è ora sfuggita al dominio della luce zodiacale e sta fissando il cielo più scuro mai ripreso. Questo offre l’opportunità di misurare la luce di fondo proveniente da oltre la nostra galassia e confrontarla con sorgenti conosciute e previste.

Next Post

Vino francese torna a terra dopo un anno nello spazio

La navicella spaziale Dragon di SpaceX è atterrata al largo della costa della Florida mercoledì sera trasportando materiali di ricerca, attrezzature e 12 bottiglie di vino francese. Queste bottiglie di vino e alcune viti avevano trascorso circa un anno nella Stazione Spaziale Internazionale, in orbita attorno alla Terra, in nome […]
Vino francese torna a terra dopo un anno nello spazio