Ven. Gen 24th, 2020

24Hlive.it

Tutte le news del web

La solitudine è legata all’aumento della popolazione anziana

La solitudine legata all'aumento della popolazione anziana

Nonostante alcune affermazioni secondo cui la popolazione mondiale è preda di una vera e propria “epidemia di solitudine“, oggi gli anziani potrebbero non essere più soli delle loro controparti delle generazioni precedenti anzi, potrebbero essercene di più, secondo alcuni studi pubblicati dall’American Psychological.

Non abbiamo trovato prove che gli adulti più anziani siano diventati più soli di quelli di un’età simile rispetto a un decennio prima“, ha dichiarato Louise C. Hawkley, Ph.D., del NORC dell’Università di Chicago, autore principale di uno degli studi . “Tuttavia, la solitudine media riportata inizia ad aumentare oltre i 75 anni e, quindi, il numero totale di adulti più anziani che sono soli può aumentare quanto il boom nascite raggiunto tra la fine degli anni ’70 e ’80“.

Gli studi sono stati pubblicati sulla rivista Psychology and Aging .

Hawkley e i suoi colleghi hanno utilizzato i dati del National Social Life, Health and Aging Project e dello Health and Retirement Study, due sondaggi nazionali sugli adulti più anziani che hanno confrontato tre gruppi di adulti statunitensi nati in periodi diversi nel corso del XX secolo. Hanno analizzato i dati per la prima volta nel 2005-2006 da 3.005 adulti nati tra il 1920 e il 1947 e una seconda volta nel 2010-2011 da 3.377 persone, tra cui quelle del precedente sondaggio ancora in vita, e i loro coniugi o partner. Il terzo sondaggio, nel 2015-2016, comprendeva 4.777 adulti, che includeva un ulteriore campione di adulti nati tra il 1948 e il 1965 per i sopravvissuti intervistati dalle due precedenti indagini.

Gli autori hanno esaminato il livello di solitudine, il livello di istruzione, la salute generale dei partecipanti su una scala da scarsa ad eccellente, lo stato civile e il numero di familiari, parenti e amici a cui si sentivano vicini. Hanno scoperto che la solitudine è diminuita tra i 50 e i 74 anni, ma è aumentata dopo i 75 anni, ma non c’era differenza nella solitudine tra i più giovani e adulti di età simile delle generazioni precedenti.

I livelli di solitudine potrebbero essere diminuiti per gli adulti tra i 50 e i 74 anni perché avevano migliori opportunità educative, di assistenza sanitaria e di relazioni sociali rispetto alle generazioni precedenti“, ha affermato Hawkley.

Gli adulti di età superiore ai 75 anni erano più suscettibili a sentirsi soli, probabilmente a causa di fattori di vita come il declino della salute o la perdita di un coniuge o altro significativo, secondo Hawkley.

La nostra ricerca suggerisce che gli adulti più anziani che rimangono in buona salute e mantengono relazioni sociali con un coniuge, la famiglia o gli amici tendono ad essere meno soli“, ha detto Hawkley.

In uno studio simile, i ricercatori olandesi hanno scoperto che gli adulti più anziani erano meno soli rispetto alle loro controparti delle generazioni precedenti.

Questi ricercatori hanno utilizzato i dati dello studio sull’invecchiamento longitudinale di Amsterdam, uno studio a lungo termine sul funzionamento sociale, fisico, cognitivo ed emotivo degli anziani. Hanno partecipato 4.880 persone, nate tra il 1908 e il 1957.

Lo studio ha misurato la solitudine delle persone, il controllo delle situazioni e della vita in generale e il raggiungimento degli obiettivi. Ad esempio, i partecipanti hanno valutato la solitudine su una scala da 0 (nessuna solitudine) a 11 (solitudine grave) in base a sentimenti come “Mi manca avere persone intorno“.

Gli anziani nati nelle generazioni successive erano in realtà meno soli, perché si sentivano più in controllo della loro vita e quindi molto probabilmente gestivano meglio la propria vita, secondo Bianca Suanet, Ph.D., della Vrije Universiteit Amsterdam e autore principale dello studio.

Contrariamente a ipotizzare l’esistenza di un’epidemia di solitudine, abbiamo scoperto che gli adulti più anziani che si sentivano più in controllo e quindi gestivano bene alcuni aspetti della loro vita, come mantenere un atteggiamento positivo e fissare obiettivi, come andare in palestra, erano meno solitari ” sostiene Suanet. “Inoltre, come è noto nella ricerca sulla solitudine, anche i partecipanti che avevano una rete significativa diversa e / o più ampia e più diversificata erano meno soli.

Le persone devono gestire la propria vita sociale meglio che mai perché le comunità tradizionali, che hanno fornito sbocchi sociali, come quartieri, chiese e famiglie allargate, hanno perso forza negli ultimi decenni“, ha affermato Suanet. “Pertanto, oggi gli adulti più anziani hanno bisogno di sviluppare capacità di problem solving e definizione degli obiettivi per sostenere relazioni soddisfacenti e ridurre la solitudine“.

Gli anziani potrebbero anche voler utilizzare la tecnologia moderna per mantenere connessioni sociali significative, secondo Hawkley.

Le piattaforme di chat video e Internet possono aiutare a preservare le loro relazioni sociali “, ha dichiarato Hawkley. “Questi strumenti possono aiutare gli adulti più anziani a rimanere mobili e impegnati nelle loro comunità“.


Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.