L’Eni trova un giacimento petrolifero in Congo: continua la distruzione ambientale

Redazione

L’Eni nelle acque del Congo ha trovato un giacimento sottomarino di gas e petrolio, piazzando un pozzo esplorativo. E’ solo l’inizio di una nuova distruzione ambientale, avviata dalla multinazionale già con la spoliazione delle foreste per i biocarburanti e l’estrazione di olio di palma.

La stampa nazionale esalta il ritrovamento dell’Eni di un nuovo giacimento petrolifero, peccato che non sottolinei i danni incalcolabili che subirà la fauna, la flora e la popolazione locale, spesso e volentieri vessate dalle politiche invasive e distruttive delle multinazionali.

Il nuovo pozzo installato è il Nene Marine 3, con una perforazione di 28 metri di profondità nelle acque del Congo, dove sono stati piazzati altri tre pozzi esplorativi. Così invece di sviluppare fonti di energia rinnovabili, che esistono e che sarebbero un beneficio per l’ambiente e non solo, l’Eni continua la sua corsa all’oro nero senza freni.

E la cosa paradossale è che l’Eni continua a nascondersi dietro una maschera fasulla promuovendo la sua immagine “green” e volta alla salvaguardia dell’ambiente.

eni

Next Post

Crisi di Governo, Letta al Colle per dare le dimissioni

Secondo fonti di Palazzo Chigi Enrico Letta salirà oggi al Colle per rassegnare le dimissioni al Presidente Napolitano, che già in serata potrebbe dare il via alle consultazioni per la formazione di un nuovo Governo. Nella giornata di ieri il Pd ha sfiduciato l’ormai ex premier, con ben 136 sì, […]