Perdita di memoria: Cause e nuove cure

Redazione

Un nuovo studio inglese, ha dimostrato che i cambiamenti nella matrice extracellulare del cervello (l'”impalcatura” attorno alle cellule nervose) portano alla perdita di memoria con l’invecchiamento, ma è possibile invertirli utilizzando trattamenti genetici.

l team di ricerca ha pubblicato i risultati sulla rivista Molecular Psychiatry. Recenti scoperte sono emerse sul ruolo delle reti perineuroniche (PNN) nella neuroplasticità (la capacità del cervello di apprendere e adattarsi) e nella formazione della memoria. I PNN sono strutture simili alla cartilagine che circondano principalmente i neuroni inibitori nel cervello.

Perdita di memoria Cause e nuove cure

La funzione principale dei PNN è controllare il livello di plasticità nel cervello. Queste strutture compaiono negli esseri umani intorno ai cinque anni. Tuttavia, può continuare a cambiare in età adulta. I PNN contengono composti di condroitin solfato. Tuttavia, alcuni di questi inibiscono la neuroplasticità bloccando il movimento delle reti. Al contrario, la condroitina 6-solfato e alcuni promuovono la neuroplasticità.

Con l’avanzare dell’età, l’equilibrio di questi composti cambia. Man mano che i livelli di condroitina 6-solfato diminuiscono, la nostra capacità di apprendere e formare nuovi ricordi è diversa. Questo porta a problemi di perdita di memoria legati all’età .

I ricercatori dell’Università di Cambridge e dell’Università di Leeds hanno studiato se la modifica della composizione del solfato di condroitina potrebbe ripristinare la neuroplasticità. Quindi hanno cercato di trovare modi per trattare i deficit di memoria legati all’età. Attraverso una serie di test, hanno scoperto che i topi hanno avuto una perdita di memoria rispetto ai topi di sei mesi.

Nell’esperimento, i ricercatori hanno misurato se i topi potevano riconoscere un oggetto. Ad esempio, hanno posizionato il topo all’inizio di un labirinto a forma di Y. Quindi sono partiti per esplorare due oggetti identici all’estremità dei due bracci. Poco tempo dopo, il mouse è stato nuovamente messo alla prova. Questa volta, però, c’era un nuovo oggetto su un braccio. I ricercatori hanno misurato il tempo trascorso dal topo ad esplorare ogni oggetto per vedere se ricordava l’oggetto dell’attività precedente. I topi più anziani avevano meno probabilità di ricordare l’oggetto.

Il team ha trattato i topi anziani con il ” vettore virale ” che reintegra la quantità di condroitina 6-solfato . Questo ha invertito i problemi di perdita di memoria nei topi più anziani.

Sebbene il nostro studio fosse solo sui topi, lo stesso meccanismo funziona negli esseri umani“, ha riferito il Professore del John van Geest del Center for Brain Therapy presso l’Università di Cambridge, “Perché le molecole e le strutture nel cervello umano sono le stesse dei roditori . Ciò suggerisce che sarebbe possibile impedire alle persone di sviluppare la perdita di memoria in età avanzata”.

Next Post

Diabete: A maggior rischio chi vive da solo

Le persone che vivono in isolamento sociale hanno maggiori probabilità di sviluppare il diabete di tipo 2. Anche il rischio di complicazioni cardiache e renali è maggiore. Ciò è evidente da un ampio studio di letteratura condotto dalla scienziata biomedica ed epidemiologa Miranda Schram di Maastricht UMC+. Secondo i ricercatori, […]
Diabete maggior rischio chi vive da solo