Gio. Dic 12th, 2019

24Hlive.it

Tutte le news del web

Sei a rischio demenza senile? Scoprilo

Sei a rischio demenza senile Scoprilo

Un nuovo sondaggio rivela che la metà degli adulti più anziani ritiene di essere a rischio di sviluppare demenza.

Gli esperti aggiungono che le migliori misure di prevenzione contro la demenza sono l’esercizio, la dieta e lo stile di vita.

Quasi la metà di quelli di età compresa tra 50 e 64 anni ritiene di essere a rischio di sviluppare demenza, secondo un nuovo sondaggio pubblicato proprio in questi giorni.

Più di 1.000 persone in quella fascia d’età sono state interrogate e quasi il 50% ha dichiarato di avere almeno una certa probabilità di sviluppare demenza.

Il dottor Zaldy S. Tan , direttore medico del Programma di assistenza per Alzheimer e demenza dell’UCLA , afferma di non essere sorpreso.

La demenza è una delle condizioni più temute legate all’età per le persone di mezza età o oltre“, ha detto a Healthline. “Le persone nella mezza età appartengono alla fascia di età in cui vedono demenza nei loro parenti, forse nei loro amici più grandi. Non sorprende affatto che siano preoccupati per il proprio rischio di sviluppare la demenza in futuro.

I numeri variano in base al rischio reale, ma lo Studio 2018 Trusted Source dal Regno Unito ha riferito che il rischio per la vita di sviluppare demenza per le donne è quasi del 15 percento mentre è del 9 percento per gli uomini.

Tan è ottimista circa i risultati del sondaggio. Sostiene che una consapevolezza generale dei fattori di rischio è importante.

“La consapevolezza è sempre una forza. Si spera che la consapevolezza del proprio rischio di malattie future porterà ad un’azione proattiva, in termini di prevenzione, stili di vita più sani, diagnosi precoce e infine trattamenti quando ciò sarà disponibile “, ha detto. “Penso che la consapevolezza generale della propria cognizione senza essere in ansia per questo sia una buona cosa perché forse questo porterà le persone a presentari prima dal loro medico“.

Preoccuparsi di ciò non è certamente produttivo se non tradotto in azioni per migliorare il proprio profilo di rischio“, ha aggiunto.

Demenza dai numeri

Negli Stati Uniti, quasi 6 milioni di persone vivono con la demenza.

Di questi, circa il 60-70 percento ha la malattia di Alzheimer.

Quel numero dovrebbe aumentare all’aumentare dell’aspettativa di vita. Alcune proiezioni suggeriscono che entro il 2060, a quasi 14 milioni di persone di età pari o superiore a 65 anni verrà diagnosticata una forma di demenza o morbo di Alzheimer.

La demenza è un termine generico per condizioni o malattie che causano un declino della memoria e delle capacità di pensiero.

Questi disturbi sono causati da cambiamenti anormali nel cervello che innescano un declino delle capacità cognitive. Questi cambiamenti influiscono sulla capacità di una persona di pensare chiaramente, risolvere i problemi, usare il linguaggio e affrontare la propria vita quotidiana. Anche il loro comportamento, emozioni e relazioni possono essere influenzati.

Fattori di rischio di demenza

Gli effetti della demenza variano e la malattia non ha una sola causa, ma ci sono una serie di fattori che potrebbero aumentare il rischio di una persona di sviluppare demenza.

I fattori di rischio sono legati anche ad un un genitore con demenza, altri fattori genetici, mancanza di esercizio fisico, dieta occidentale, obesità, diabete, altri disturbi medici come ipertensione, mancanza di sonno, isolamento sociale, perdita dell’udito, depressione e uso cronico di droghe con proprietà anticolinergiche” , ha dichiarato a Healthline il Dr. Frank M. Longo , PhD, professore e presidente del dipartimento di neurologia dell’Università di Stanford in California.

La maggior parte dei casi di demenza sono progressivi e i sintomi possono apparire lentamente e peggiorare gradualmente.

I sintomi possono includere problemi con perdita di memoria a breve termine, difficoltà linguistiche, difficoltà a pianificare o preparare i pasti, difficoltà a ricordare appuntamenti, incapacità di utilizzare la tecnologia come un telecomando o un telefono, un calo delle prestazioni lavorative e una perdita di empatia.

Per la maggior parte delle forme di demenza progressiva, come l’Alzheimer, non esiste un trattamento in grado di fermare la progressione della malattia. Inoltre non esiste una cura.

Cosa ha mostrato il sondaggio

Degli intervistati, quasi il 32% ha approvato l’uso di olio di pesce o acidi grassi omega-3 per la prevenzione della demenza.

Poco più del 39% ha riferito di utilizzare altre vitamine o integratori.

Tuttavia, solo il 5% ha discusso con il proprio medico della prevenzione della demenza.

La dott.ssa Verna R. Porter è neurologa e direttrice di programmi per la demenza e la malattia di Alzheimer presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, California.

Sostiene che il sondaggio indica che le persone di mezza età potrebbero non sempre stimare con precisione il loro rischio di sviluppare demenza, e questo potrebbe renderle vulnerabili a provare trattamenti non supportati dalla scienza.

È stata sollevata la preoccupazione che se le persone tendono a sopravvalutare il loro rischio relativo di sviluppare la demenza, potrebbero essere troppo zelanti nel provare nuove” terapie preventive “non approvate dalla FDA, che non sono state completamente controllate, ad esempio il ginkgo biloba o integratori vitaminici che sono senza comprovata efficacia “, ha detto Porter a Healthline.

Ciò potrebbe comportare un uso inappropriato di vari supplementi e interventi, con conseguenti costi eccessivi. L’altra preoccupazione sarebbe che l’uso di queste “terapie preventive” non provate potrebbe effettivamente ritardare una persona a cercare una diagnosi medica adeguata e un successivo trattamento “, ha aggiunto.

Misure di prevenzione

Tutti gli esperti che hanno parlato al famoso magazine Healthline hanno affermato che uno dei passi più importanti che una persona può fare per ridurre il rischio di demenza è l’esercizio.

Tan sostiene che l’esercizio fisico è l’unico fattore di rischio modificabile che è stato costantemente dimostrato di ridurre il rischio di demenza.

Anche la gestione delle condizioni esistenti e il miglioramento dei fattori dello stile di vita sono importanti.

Riteniamo che gli individui abbiano un certo potere di influenzare il loro rischio di demenza e ora stiamo lavorando duramente alla nostra ricerca per dimostrarlo e capire quanto grande impatto possiamo avere sul rischio di demenza attraverso cambiamenti nello stile di vita, come dieta ed esercizio fisico ” , Ha dichiarato a Healthline il dott. Jeffrey Burns , MS, capo divisione neurocognitiva presso il Medical Center dell’Università del Kansas.

Crediamo che ciò che è buono per il cuore sia buono per il cervello“, ha detto. “Quindi, se hai la pressione alta e colesterolo, trattali in modo aggressivo. Esercitati e mangia bene. Non è mai troppo tardi per avere un impatto. Inoltre, non è mai troppo presto per iniziare, e i dati suggeriscono che prima inizi, maggiore è l’impatto che potresti avere sulla salute del tuo cervello.

Loading...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading...
Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.