Stress e ansia, in America si cura con la botanica

Redazione

Stress e ansia in America le possibili soluzioni arrivano dalla botanica

La radice della valeriana e la melissa vengono studiate per migliorare l’umore riducendo l’ansia e lo stress.

Non è un segreto che oggi il livello di stress tocca punte massime mai raggiunte fino ad ora. Recentemente negli Stati Uniti, l’American Psychology Association (APA) ha rilevato che gli americani sono stressati più che mai. Mentre la fonte di questo stress può variare tra le diverse popolazioni, quel che è certo è che lo stress è in aumento.

Lo stress ambientale, indipendentemente dalla fonte, spesso genera la stessa catena di risposte neurologiche e ormonali nel corpo. Man mano che questi processi continuano, effetti negativi duraturi possono manifestarsi sotto forma di malattie croniche, come obesità, malattia coronarica (CHD) e disturbi psicologici, tra cui l’insonnia e l’ansia aumentata.

Di conseguenza, molte persone hanno iniziato a guardare a varie forme di cambiamenti del proprio stile di vita per aiutare a ridurre lo stress quotidiano e i molti risvolti negativi duraturi che lo accompagnano. In particolare, l’APA ha riferito che il 53% degli americani si sta rivolgendo a pratiche come lo yoga e la meditazione che hanno visto un aumento del 3% della partecipazione rispetto allo scorso anno.

È interessante notare che questo sondaggio più recente non riporta le abitudini alimentari quando si affronta lo stress. Spesso, una connotazione negativa circonda lo stress e le abitudini nutrizionali, come l’eccesso di cibo per il comfort, che oggi conta molto. È stato dimostrato che lo stress acuto compromette i processi di autoregolazione nel cervello. Questi cambiamenti nelle funzioni cerebrali possono essere uno dei principali meccanismi alla base della riduzione osservata della contenzione alimentare e dell’aumento di peso corporeo.

Nonostante i problemi legati tra dieta e gestione dello stress, gli integratori a base botanica sono anche visti come un modo comune per far fronte allo stress. Una meta-analisi del 2015 ha suggerito un’ampia variazione dell’uso riportato (dal 2,3 al 22 per cento) tra le persone delle società occidentali, a seconda delle caratteristiche nazionali. Tuttavia, i rimedi a base di erbe sono riconosciuti come possibili aiuti nel mantenimento di funzioni cognitive sane.

I rimedi a base di erbe risalgono all’antichità, con radici provenienti da tutto il mondo. È stato ipotizzato che alcuni di questi ingredienti possono offrire supporto per le prestazioni cognitive attraverso la gestione dello stress. Mentre l’efficacia di alcuni di questi prodotti è spesso messa in discussione, alcuni ingredienti hanno sostenuto la ricerca che li suggerisce come opzioni valide.

La radice di valerianaValeriana officinalis ), una pianta fiorita originaria dell’Europa e dell’Asia, è già conosciuta in tutta la letteratura. È stato dimostrato che l’integrazione con la radice di valeriana aiuta a ridurre i marcatori psicologici dello stress in coloro che soffrono di disturbo d’ansia generalizzato e in individui sani. Sono stati riportati anche risultati simili accompagnati da diminuzioni nei marcatori fisiologici di stress, come la pressione sanguigna. È stato ipotizzato che questi risultati siano dovuti all’interazione della radice di valeriana con neurotrasmettitori come gamma-aminobutirrico (GABA) influenzando la produzione e inibendo la rottura.

La melissaMelissa Officinalis ) è un altro ingrediente che ha mostrato potenziale nella letteratura scientifica. È interessante notare che è stato anche ipotizzato che questa pianta agisce attraverso il percorso GABA come un inibitore della transaminasi GABA. Attraverso questo, e potenzialmente altri percorsi, il balsamo di limone ha dimostrato di suscitare effetti positivi sulle prestazioni cognitive e l’umore in individui sani.

Inoltre, questi due prodotti botanici sono spesso presi in concomitanza l’uno con l’altro per aiutare ad alleviare le pressioni della vita quotidiana. Due ingredienti marchiati di melissa e radice di valeriana hanno dimostrato di migliorare il comportamento sociale, il sonno e i sintomi nei bambini iperattivi. Queste risposte sono state osservate anche in volontari sani,  sostenendo ulteriormente l’uso di questi ingredienti.

Un altro prodotto che ha ottenuto molta pubblicità di recente è il cannabidiolo composto di cannabis (CBD). In questo caso le informazioni e la letteratura scientifica è relativamente giovane, sembra sostenere l’uso del CBD come aiuto per l’ansia. Il CBD ha dimostrato di diminuire l’ansia sia prima che durante gli impegni ad esempio di persone che debbano esibirsi in pubblico. Mentre sono necessarie ulteriori ricerche, questi e altri risultati sono promettenti per l’applicazione di questo ingrediente nei prodotti futuri.

Questi sono solo alcuni esempi che dimostrano il potenziale di questi ingredienti botanici selezionati. Un’ampia varietà di fonti botaniche offre il potenziale per aiutare nella salute mentale. Lo stress ostacola molto più della funzione cognitiva. Se lasciato libero di proliferare, può iniziare a causare effetti dannosi al punto di stati patologici. Questi integratori a base di erbe e molti altri potrebbero offrire alternative sicure per combattere lo stress quotidiano e promuovere la salute fisica e una funzione cognitiva ottimale.

foto@Pexels

Next Post

Cdc conferma 62 casi di mielite flaccida, la nuova polio

Che cosa è la mielite acuta flaccida? Il CDC ha confermato 62 casi della malattia simile alla polio In 22 stati degli Stati Uniti è stata segnalata una rara malattia simile alla polio che può causare paralisi. Il CDC ha confermato 62 casi di mielite acuta flaccida e anche altri 65 bambini sono potenzialmente […]
Cdc conferma 62 casi di mielite flaccida la nuova polio