Variabilità glicemica a digiuno e aumento rischio diabete

Variabilita glicemica a digiuno e aumento rischio diabete

La variabilità glicemica a digiuno indica un aumento del rischio di diabete di tipo 2

Una maggiore variazione del glucosio plasmatico a digiuno nel tempo è associata ad un aumentato rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, secondo uno studio pubblicato su Diabetes Care.

I ricercatori hanno analizzato i dati del Sistema nazionale di assicurazione sanitaria coreano su 131.744 partecipanti senza diabete al basale per i livelli di glucosio plasmatico a digiuno e lo sviluppo del diabete di tipo 2 su un periodo di follow-up di 8,3 anni di media. Il database conteneva informazioni sulla storia medica, codici ICD-10, variabili relative alla salute, questionari, analisi del sangue e test di laboratorio.

Il coefficiente di variazione del glucosio plasmatico a digiuno, la deviazione standard e la variabilità indipendente dalla media erano indici utilizzati per calcolare la variabilità del plasma glicemico a digiuno. Il diabete di tipo 2 è stato definito come livello plasmatico di glucosio a digiuno ≥ 7 mmol / L, e il glucosio compromesso è stato definito come livello plasmatico glicemico a digiuno tra 5,6 mmol / L e 6,9 ​​mmol / L.

Complessivamente, i partecipanti con una maggiore variazione del livello di glucosio nel plasma a digiuno erano maschi anziani che fumavano, bevevano, sostenevano poca attività fisica e avevano una più alta insorgenza di ipertensione e dislipidemia. Il rapporto di rischio per il coefficiente di variazione del glucosio nel plasma a digiuno era 1,24 (IC 95%, 1,22-1,27; P <0,001). Inoltre, l’hazard ratio per la deviazione standard della glicemia a digiuno era 1,23 (IC 95% 1,20-1,25; P <0,001) e il rapporto per la glicemia a digiuno indipendente dalla media era 1,23 (IC 95%, 1,21-1,26; P < .001). Per il coefficiente di variazione del glucosio plasmatico a digiuno, un aumento di una deviazione standard ha comportato un aumento del rischio del 24% per lo sviluppo del diabete di tipo 2.

I ricercatori hanno raccomandato che gli studi futuri includano una popolazione più diversificata per ottenere ulteriori risultati comprensivi, utilizzare altri strumenti diagnostici per diabetici come test di tolleranza al glucosio orale o risultati di HbA1c e includere comportamenti dietetici come variabile.

I ricercatori hanno concluso che “c’erano chiare associazioni di variabilità del plasma del glucosio a digiuno con un aumento del rischio di diabete di tipo 2” indipendente da altre variabili confondenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *