300 milioni di pianeti abitabili nella nostra Via Lattea
300 milioni di pianeti abitabili nella nostra Via Lattea

I risultati di un nuovo studio sono stati pubblicati e i ricercatori hanno scoperto che i dati dei pianeti extrasolari suggeriscono che potrebbero esserci almeno 300 milioni di pianeti potenzialmente abitabili nella Via Lattea. Gli scienziati hanno scoperto che circa la metà delle stelle simili al sole nella Via Lattea, potrebbero essere la dimora di pianeti simili alla Terra.

I ricercatori credono da tempo che la migliore possibilità di scoprire la vita al di fuori del nostro pianeta sia trovare pianeti simili alla Terra. Gli scienziati ritengono inoltre che il modo migliore per trovare pianeti simili alla Terra sia cercare stelle simili al sole. I ricercatori hanno eseguito una nuova analisi dei dati raccolti dal telescopio spaziale Kepler della NASA, che era in funzione dal 2009 al 2018.

300 milioni di pianeti abitabili nella nostra Via Lattea

Utilizzando questi dati, hanno elaborato nuove stime per quante stelle nella nostra galassia sono simili al sole per temperatura ed età. Determinano inoltre quante di quelle stelle hanno probabilmente pianeti rocciosi che orbitano attorno a loro nella zona abitabile della stella. Le stime attuali suggeriscono che ci sono 4,1 miliardi di stelle simili al sole nella galassia, con la ricerca che suggerisce che almeno 300 milioni di loro hanno almeno un singolo pianeta in orbita.

I dati suggeriscono che una stella su due simile al sole potrebbe avere un pianeta abitabile, suggerendo che potrebbero esserci fino a 2 miliardi o più pianeti abitabili nella Via Lattea. Previsioni meno prudenti basate sui dati hanno rilevato che potrebbero esserci fino a 3,6 miliardi di pianeti abitabili.

Lo studio non è stato sottoposto ad una revisione, ma lo sarà e dovrebbe essere pubblicato sull’Astronomical Journal. L’astronomo Adam Frank dell’Università di Rochester non è stato coinvolto nello studio, ma ha detto che sembra essere uno studio molto accurato.

Potrebbero interessarti

Apple ritira dall’Apple Store l’aggiornamento iOS 8.0.1

E’ uscito soltanto da pochi giorni, ma il nuovo iPhone 6 sembra…

Sentenza se non vuoi windows hai il rimborso

Dopo la sentenza ottenuta da un cliente che aveva acquistato un personal…

Scuola: dal 15 gennaio partono le iscrizioni on line

La data cerchiata in rosso sulle agende delle mamme e dei papà…

Antitrust si scaglia contro le app non proprio gratuite

L’ombra pesante dell’Antitrust si affaccia sulle aziende che producono applicazioni per dispositivi…