Ott 30, 2020

24Hlive.it

Tutte le news del web

Acufene, arriva un nuovo dispositivo per alleviare il ronzio

Acufene arriva un nuovo dispositivo per alleviare il ronzio

L’acufene, la percezione dei rumori fantasma in assenza di suoni reali, colpisce milioni di persone in tutto il mondo. Secondo un recente sondaggio, circa un adulto su 10 negli Stati Uniti soffre di acufene e in quasi un quarto di questi individui i sintomi durano per più di 15 anni. Quelli con acufene possono anche sperimentare complicazioni come difficoltà di messa a fuoco, affaticamento, ansia e una riduzione generale della qualità della vita.

Interventi psicologici come la terapia cognitivo-comportamentale possono aiutare a ridurre il disagio, ma fino ad oggi nessun farmaco o dispositivo medico ha dimostrato di migliorare in modo affidabile questa condizione. Ora i ricercatori si sono avvicinati alla realizzazione di un trattamento per l’acufene. Secondo un nuovo studio, pubblicato oggi su Science Translational Medicine , un dispositivo non invasivo che applica una tecnica nota come neuromodulazione bimodale, combinando suoni con colpi alla lingua, potrebbe essere un modo efficace per fornire sollievo ai pazienti con tale disturbo.

Secondo il coautore dello studio Hubert Lim , professore associato di ingegneria biomedica e otorinolaringoiatria presso l’Università del Minnesota, questo trattamento si rivolge ad un sottoinsieme di cellule cerebrali che si attivano in modo anomalo. Attraverso studi su esseri umani e animali, il team di Lim e altri, hanno precedentemente riportato che i neuroni sensibili al tocco stimolanti elettricamente nella lingua o nel viso possono attivare i neuroni nel sistema uditivo.

Acufene arriva un nuovo dispositivo per alleviare il ronzio

La tecnica sviluppata da Lim e dai suoi colleghi è progettata per promuovere l’attivazione dei circuiti cerebrali in risposta a molti suoni diversi per soffocare il rumore fantasma. 

L’idea è che alla fine il tuo cervello diventa sensibile a molte cose diverse”, spiega Lim. “In un certo senso, hai soppresso i neuroni dell’acufene ma solo elevando gli altri neuroni.” 

Un altro gruppo guidato da Susan Shore, professore di otorinolaringoiatria presso l’Università del Michigan, ha sviluppato un dispositivo simile con un approccio diverso: invece di aumentare la sensibilità a un ampio spettro di suoni, il metodo del team abbina un suono che corrisponde a quello fantasma ascoltato da pazienti con un impulso elettrico specificamente programmato alla testa o al collo. 

Per esaminare l’efficacia e la sicurezza del loro dispositivo, Lim e i suoi colleghi hanno condotto uno studio esplorativo randomizzato, con 326 adulti affetti da acufene cronico in due siti: il St.James’s Hospital in Irlanda e il Tinnitus Center presso l’Università di Regensburg in Germania. I partecipanti sono stati istruiti a utilizzare il dispositivo per 60 minuti al giorno per 12 settimane. Sono stati divisi in tre gruppi, ognuno dei quali ha ricevuto trattamenti leggermente diversi che variavano in base al tipo di suono utilizzato, alla tempistica degli impulsi elettrici e al ritardo tra il suono e la stimolazione. Lo studio è stato finanziato da Neuromod Devices, una società con sede a Dublino, dove Lim è il chief scientific officer, che sta sviluppando e vendendo il dispositivo di neuromodulazione bimodale.

I risultati hanno mostrato che l’84% dei partecipanti ha completato il regime di 12 settimane. In seguito, circa l’81% dei partecipanti conformi al trattamento ha mostrato miglioramenti nelle variabili psicosociali come la capacità di concentrazione o dormire, insieme a livelli più bassi di ansia e frustrazione e una migliore qualità della vita. In circa il 77% del gruppo, questo miglioramento è persistito un anno dopo. Inoltre, il 66% dei partecipanti ha riferito di sentire di aver beneficiato del dispositivo. Non c’erano differenze significative in queste misure tra i tre gruppi.

Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.