Antibiotici: utili per la recidiva del cancro al seno

Redazione

L’antibiotico può prevenire la recidiva del cancro al seno secondo un recente studio

Una delle principali priorità dei ricercatori sul cancro è legata ai possibili modi per ridurre il rischio che il cancro si sviluppi in metastasi e si riproponga nella cosiddetta “recidiva”. Un recente studio su piccola scala potrebbe aver trovato un farmaco comune ed economico che fa proprio questo.

Le cellule staminali tumorali (CSC), conosciute anche come cellule che provocano il tumore, sono un argomento caldo tra i ricercatori. Queste cellule sono resistenti ai trattamenti attuali e svolgono un ruolo significativo sia nella metastasi che nella recidiva, che sono due delle più grandi sfide nel trattamento del cancro .

Per questo motivo, è di grande interesse trovare modi efficaci per chiarire le CSC. Ricercatori dell’Università di Salford nel Regno Unito potrebbero aver scoperto un trattamento che riuscirebbe a svolgere un ruolo importante.

Gli scienziati impiegano il loro tempo a testare farmaci che la Food and Drug Administration (FDA) ha già approvato. Esaminano se eventuali farmaci esistenti possano essere in grado di aiutare nella lotta contro il cancro.

Concentrarsi su farmaci di questa tipologia, significa soprattutto lavorare su un farmaco esistente che funziona contro il cancro, il che potrebbe potenzialmente raggiungere più facilmente e soprattutto più velocemente ospedali e cliniche.

In un recente articolo pubblicato sulla rivista Frontiers in Oncology , gli scienziati delineano il potenziale uso di un antibiotico chiamato doxiciclina per le CSC.

Antibiotico già conosciuto e utile per molte malattie

Di solito, gli specialisti prescrivono la doxiciclina, che è uno degli antibiotici più comuni a livello globale, per trattare condizioni quali polmonite , clamidia , sinusite , sifilide , colera e malattia di Lyme .

La doxiciclina funziona impedendo alle cellule di creare nuovi mitocondri, che sono le centrali elettriche delle cellule. È importante sottolineare che il farmaco ha effetti collaterali minimi.

Per lo studio in corso, i ricercatori hanno reclutato solo 15 partecipanti presso l’Ospedale universitario di Pisa, in Italia. Hanno dato a nove partecipanti la doxiciclina ogni giorno per 14 giorni prima dell’intervento chirurgico per rimuovere un tumore . I rimanenti sei partecipanti hanno agito da controllo e non hanno preso farmaci.

Per valutare se l’antibiotico ha avuto un impatto sulle CSC e la possibilità che si ripresenti un tumore, gli scienziati hanno testato un certo numero di biomarcatori. Hanno valutato queste cosiddette misure di staminali nel tessuto tumorale rimosso prima dell’operazione e sul tessuto tumorale asportato durante la procedura.

Gli scienziati hanno misurato un calo significativo delle CSC in quasi tutti i partecipanti che hanno assunto la doxiciclina. Sebbene i numeri dei partecipanti fossero molto bassi, i risultati sono stati molto significativi, il che significa che una prova clinica varrebbe la pena.

Perché gli antibiotici funzionano contro le CSC?

I mitocondri si sono evoluti dai batteri e gli antibiotici attaccano i batteri; ciò significa che spesso gli antibiotici mirano anche ai mitocondri, che impediscono la riproduzione delle cellule staminali.

Quello che deduciamo qui è che le cellule staminali selettivamente sovraesprimono le proteine ​​chiave mitocondriali, il che significa che se siamo in grado di inibire la funzione mitocondriale, possiamo interrompere le cellule staminali“.

Afferma la prof. Federica Sotgia

Queste scoperte potrebbero avere conseguenze significative, come spiega il ricercatore congiunto Prof. Michael Lisanti.

Abbiamo pochissimi farmaci approvati dalla FDA per indirizzare e ridurre le cellule staminali tumorali”, conferma, “in modo da scoprire che un farmaco che è efficace, facilmente disponibile  è altamente significativo, in particolare perché circa due terzi delle morti per cancro si verificano a causa di recidiva dopo il trattamento iniziale.

Negli ultimi anni, sempre più ricercatori si sono concentrati sui mitocondri come potenziale via per il trattamento delle malattie. È probabile che queste scoperte possano spingere ancor più la ricerca in tal senso.

Questo studio evidenzia anche il valore di screening dei farmaci esistenti per la loro utilità contro altre condizioni.

Come afferma il Prof. Lisanti, “la nostra capacità di trattare il cancro può essere migliorata solo utilizzando farmaci che non sono solo economici ma anche ampiamente disponibili. Dal momento che la doxiciclina è diventata clinicamente disponibile nel 1967, la sua attività antitumorale è stata proprio sotto il nostro naso, per più più di 50 anni.

Next Post

Malattia di Lyme, nel New England un nuovo metodo per combatterla

Gli scienziati del New England stanno sperimentando un nuovo metodo per combattere la malattia di Lyme Nel New England, scienziati dell’Università di Harvard, del MIT e della Tufts hanno iniziato a studiare geneticamente topi con i piedi bianchi che in natura portano il virus Borrelia causa della malattia di Lyme e lo trasmettono alle […]
Malattia di Lyme nel New England un nuovo metodo per combatterla