Diabetici, a rischio per gli errori di dosaggio negli ospedali

Diabetici a rischio per gli errori di dosaggio negli ospedali

Diabete e assistenza ospedaliera: gli errori di dosaggio degli ospedali mettono a rischio i diabetici

Si parla spesso della carenza, spesso addirittura della totale assenza, del nostro sistema sanitario, le cose non vanno meglio anche nel Regno Unito; decine di migliaia di diabetici in ospedale sono ad alto rischio perchè assumerebbero farmaci sbagliati. All’incirca a 260.000 degenti sono stati diagnosticati errori di dosaggio lo scorso anno e quasi 10.000 hanno sofferto di incidenti potenzialmente fatali a causa della scarsa gestione dell’insulina, secondo un rapporto.

Lo scandalo è stato svelato dall’associazione benefica Diabetes UK, che ha riscontrato incredibili “inadeguatezze” nel seguire i diabetici, chiedendo dunque a medici e infermieri di ricevere una formazione specialistica per aiutarli a capire meglio la condizione debilitante.

La portata del problema è evidenziata da cifre che dimostrano che l’epidemia di diabete che sta investendo la Gran Bretagna è così grave che uno su sei letti d’ospedale è occupato da qualcuno con questa patologia.

Circa 25.000 letti dei reparto sono affidati a pazienti con particolari condizioni di pericolo di vita, mettendo a dura prova le risorse del NHS.

Le cifre sono rivelate nel rapporto Diabetes UK pubblicato oggi. L’amministratore delegato Chris Askew ha dichiarato:

Il servizio sanitario nazionale è sottoposto a una tensione enorme e il diabete è solo una delle complesse questioni che devono essere una priorità. Tuttavia, il numero di pazienti ricoverati per diabete che ricevono livelli inadeguati di assistenza è una chiara dimostrazione del fatto che occorre fare di più per rendere gli ospedali sicuri per chi vive con tale patologia“.

Continueremo a lavorare per una migliore assistenza alle persone con diabete fino a quando ogni paziente si sentirà al sicuro in ospedale, dal momento del ricovero fino al punto delle dimissioni.

Le stime mostrano che entro il 2030 uno su quattro letti d’ospedale sarà occupato da qualcuno con la malattia. Più di un milione di diabetici sono stati ricoverati in ospedale l’anno scorso.

Nove su dieci non sono stati ammessi a causa proprio del diabete, ma 9.600 persone hanno richiesto un trattamento urgente all’indomani di un grave attacco ipoglicemico, in cui lo zucchero nel sangue scende a livelli pericolosamente bassi.

Alcuni incidenti si verificano perché il personale medico si concentra sulla causa dell’ospedalizzazione, il che significa che il diabete può essere dimenticato o posto quasi in secondo piano.

Il rapporto è stato compilato dopo aver passato in rassegna gli ospedali di tutto il Regno Unito e le interviste con pazienti, team ospedalieri, operatori sanitari e dirigenti ospedalieri, rivelando che un quarto degli ospedali non ha un’infermiera specializzata in pazienti ospedalizzati diabetici.

In modo allarmante, inoltre, è stato rilevato che anche il numero di medici in formazione che scelgono di specializzarsi nel seguire il diabete, sta diminuendo.

Nel 2017, 235.000 diabetici sarebbero dovuti essere seguiti da una squadra di specialisti, ma in realtà non lo sono mai stati.

Diabetes UK ha affermato che l’adozione di una serie di raccomandazioni e il corretto impiego della forza lavoro potrebbero ridurre le spese del SSN e alleviare la pressione sui servizi.

Si dovrebbero investire 5 milioni di sterline in nuovi servizi di assistenza infermieristica specialistica per diabetici in questo modo si fornirebbe un risparmio di 14 milioni di sterline all’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *