Malattia di Lyme, nel New England un nuovo metodo per combatterla

Redazione

Gli scienziati del New England stanno sperimentando un nuovo metodo per combattere la malattia di Lyme

Nel New England, scienziati dell’Università di Harvard, del MIT e della Tufts hanno iniziato a studiare geneticamente topi con i piedi bianchi che in natura portano il virus Borrelia causa della malattia di Lyme e lo trasmettono alle zecche che si nutrono del loro sangue, per produrre anticorpi resistenti a entrambe le zecche e una particolare proteina Borrelia . L’idea è che l’immunizzazione dei topi avrà un effetto a catena sulla popolazione locale di zecche.

Il piano è di rilasciare alla fine piccoli gruppi di topi su isole locali al largo della costa del Massachusetts, dove possono essere isolati per studio, per esaminare le potenziali opzioni per un’applicazione più ampia.

Per il dottor Bill Rawls della North Carolina, che ha contratto la malattia di Lyme ed è l’autore di “Unlocking Lyme“, la soluzione è molto più complessa.

Ci sono molti microbi nelle zecche, non solo il microbo Borrelia associato alla malattia di Lyme“, ha rivelato il dott. Rawls, direttore medico di Vital Plan, una compagnia di integratori a base di erbe. “Il problema con la sperimentazione su topi è che anche se ha successo, e blocchi la trasmissione di Borrelia e previeni la diffusione di quella varietà di malattia di Lyme,  questo forse potrebbe aprire a qualcosa di peggio, come la Rickettsia, ovvero un microbo associato a la diffusione di Rocky Mountain Spotted Fever.

Come sostenitore della medicina olistica, il Dr. Rawls ha detto che l’aumento dei casi di malattia di Lyme, così come il modo in cui colpisce gli esseri umani, è sintomatico di un mondo che cambia.

Abbiamo radicalmente cambiato la nostra varietà di cibo che consumiamo, viviamo tutti sotto uno stress opprimente“, ha affermato. “E tutti questi fattori influenzano il nostro sistema immunitario. Penso che sia ora che la nostra società inizi a guardare problemi come la malattia di Lyme sotto questo aspetto“.

Il microbo Borrelia è in circolazione da milioni di anni, come le zecche, ha specificato il dott. Rawls.

Quindi la domanda è: perché le persone stanno contraendo di più tale malattia adesso?“, si domanda. “Vedo la malattia di Lyme come un modello fondamentale per tutte le malattie croniche“.

Nel trattamento della borreliosi precoce della Lyme cutanea, una maggiore durata e una dose più elevata non hanno migliorato la risposta agli antibiotici, né alcun agente specifico è risultato il più efficace in una meta-analisi di rete.

Confrontando 21 diversi agenti antibiotici, dosi e durate, non ci sono state differenze significative nella risposta al trattamento. Gli esiti avversi correlati al trattamento sono stati considerati da lievi a moderati, hanno riferito Christine Schmucker, PhD, dell’Università di Friburgo, in Germania, e colleghi di JAMA Dermatology .

Dopo l’inizio del trattamento, i fallimenti del trattamento erano rari sia a 2 mesi (4%) che a 12 mesi (2%), secondo quanto accertato dai ricercatori.

Gli studi inclusi nelle meta-analisi sono stati condotti negli Stati Uniti e in vari paesi europei. “Nonostante le differenze nello spettro dei patogeni che possono essere presenti in diverse regioni e dato il periodo di studio esteso di oltre 25 anni, i risultati sono stati generalmente coerenti con gli studi, suggerendo una buona applicabilità delle prove in paesi con alto rischio di borreliosi” ha scritto Schmucker insieme ai suoi coautori.

Tuttavia, la “certezza delle prove è stata classificata come bassa e molto bassa principalmente a causa di una percentuale di imprecisione, indirettamente e limitazioni dello studio“, hanno osservato gli autori.

I 19 studi inclusi nella meta-analisi hanno valutato 2.532 pazienti (fascia di età da 37 a 56 anni e dal 36% al 60% di donne), con risultati valutati da 2 mesi e 12 mesi. Gli antibiotici usati comprendevano doxiciclina, cefuroxime axetil, ceftriaxone, amoxicillina, azitromicina, penicillina V e minociclina.

Considerando il volume di persone globale sottoposte al trattamento, oltre l’80% dei pazienti ha mostrato una risposta. A 2 mesi o meno, dopo l’inizio del trattamento, l’84% ha avuto una risposta; a 12 mesi o più dopo l’inizio del trattamento, l’80% ha risposto.

Le dimensioni dell’effetto dall’analisi non hanno evidenziato differenze significative nella risposta al trattamento da parte dell’agente antibiotico, ad esempio amoxicillina versus doxiciclina (OR 1,26, IC 95% 0,41-3,87) o di durata, ad esempio con 200 mg / d di doxiciclina per 3 settimane contro 2 settimane (OR 1,28, IC 95% 0,49-3,34).

Gli eventi avversi sono stati classificati come lievi o moderati per il 31% dei pazienti. La penicillina V ha avuto le probabilità più basse di un evento avverso, ma né esso né nessuno degli altri farmaci erano significativamente differenti rispetto alla doxiciclina.

Eventi avversi correlati alla pelle, come fotosensibilità, fotodermatite o orticaria, si sono verificati nel 3% dei pazienti. L’unica differenza significativa tra gli antibiotici in termini di reazioni cutanee era un rischio inferiore con cefuroxime axetil rispetto alla doxiciclina.

In conclusione: sono necessari studi rigorosamente condotti con dimensioni campionarie adeguate per identificare possibili differenze minori nell’efficacia comparativa e per escludere rilevanti problemi di sicurezza correlati ai farmaci”, hanno concluso i ricercatori.

foto@Pixabay

Next Post

Brucellosi, mercato dei vaccini e come prevenirla

Il mercato dei vaccini per la brucellosi si evidenzia in un’analisi delle vendite e fatturati dei grandi produttori dal 2017-2022 Il report del Brucellosis Vaccines Market offre uno studio specialistico e approfondito sulla condizione attuale dell’industria dei vaccini contro la brucellosi globale, oltre agli scenari alle quote di mercato e alle […]
Brucellosi, mercato dei vaccini e come prevenirla