ArcelorMittal non demorde: vuole abbandonare l’Ilva

Redazione

Era una eventualità che si attendeva, ed è puntualmente arrivata, purtroppo: ArcelorMittal ha confermato di volersi tirare fuori dall’Ilva, nonostante le minacce, neppure troppo velate, arrivate dal Presidente Giuseppe Conte e dal governo, che sta trattando da giorni, finora inutilmente, per cercare una soluzione.

Il gruppo va avanti dritto per la sua strada: i legali hanno infatti depositato l’atto di citazione al Tribunale di Milano annunciato la scorsa settimana per il recesso dal contratto, mentre l’azienda ha consegnato ai lavoratori dell’altoforno 2 il cronoprogramma per lo spegnimento.

ArcelorMittal tramite i suoi legali spiega di aver “esercitato il recesso in conformità alle applicabili disposizioni contrattuali subito dopo che la legge numero 128 del 2 novembre 2019 ha eliminato la protezione legale per le attività svolte nello stabilimento di Taranto”. Per il gruppo franco-indiano “la protezione legale costituiva una tutela essenziale”, perché consentiva loro di operare “senza incorrere in eventuali responsabilità (anche penali) conseguenti, tra l’altro, a problemi ambientali ereditati dalle precedenti gestioni societarie e commissariali dello stabilimento di Taranto”.

Conte ha subito invitato il patron Lakshimi Mittal a sedersi al tavolo della trattativa aprendo alla possibilità di reintrodurre lo scudo penale qualora la multinazionale avesse deciso di rivedere la decisione di disimpegnarsi da Taranto, ma a quanto pare i suoi tentativi sono caduti nel vuoto.

Next Post

Foggia nel caos tra attentati e ordigni

Foggia è una città senza dubbio bellissima, ricca di bellezze naturali e storico-artistiche, ma è anche flagellata dalla criminalità organizzata, che si insedia ovunque lo stato lasci anche un minimo spazio di manovra. Una criminalità così infiltrata nel tessuto sociale da credersi padrone di tutto, dall’omicidio in piena strada all’ordigno […]
Bazzano custode uccide ladro sparandogli alla schiena