Astronomi adesso possono utilizzare il radiotelescopio cinese FAST

Redazione

Da ieri, gli astronomi di tutto il mondo possono fare richiesta per utilizzare il radiotelescopio cinese FAST. Lo ha riferito l’agenzia di stampa francese AFP e ora lo conferma l‘agenzia di stampa statale cinese Xinhua.

Astronomi adesso possono utilizzare il radiotelescopio cinese FAST
foto@Wikimedia

L’Aperture Spherical Radio Telescope, noto con il nome FAST, è il più grande radiotelescopio del mondo con i suoi 500 metri di diametro. Il telescopio si trova tra le montagne verdi di Pingtang, nella provincia cinese sud-occidentale di Guizhou.

I radiotelescopi utilizzano antenne e ricevitori per rilevare le onde radio cosmiche di stelle, galassie, buchi neri e pulsar, i resti pulsanti delle stelle esplose.

Il FAST non è solo più grande del radiotelescopio di Arecibo, che si trovava a Puerto Rico e nel mese di dicembre è stato dismesso, ma anche tre volte più sensibile. “Ci siamo ispirati molto alla struttura di Arecibo, che abbiamo migliorato a poco a poco per costruire il nostro telescopio“, ha detto in precedenza ad AFP Wang Qiming, capo delle operazioni e centro di sviluppo di FAST.

Il radiotelescopio cinese FAST è stato commissionato a gennaio. D’ora in poi, gli scienziati internazionali possono presentare una richiesta per utilizzare il telescopio all’Osservatorio Astronomico Nazionale della Cina (NAOC), che controlla il telescopio.

Le osservazioni internazionali inizieranno ad agosto. “Gli scienziati stranieri potranno venire sul sito o inviare le loro richieste di misurazioni remote. In tal caso, gli ingegneri FAST le eseguiranno per loro e invieranno loro i risultati“, ha detto Wang Qiming.

Next Post

Allergia: Attenzione a non confonderla con i sintomi Covid

Le allergie fioriscono in questo periodo indipendentemente dall’età, dal sesso, dalla razza o dalle condizioni socioeconomiche. In generale, le allergie sono più comuni durante l’infanzia, sebbene l’insorgenza iniziale possa verificarsi a qualsiasi età. Con la fioritura di erba, fiori e alberi in primavera, il polline si diffonde nell’atmosfera e raggiunge […]
Allergia Attenzione a non confonderla con i sintomi Covid