Vitamina D: Utile contro le infezioni respiratorie

Redazione

Gli integratori di vitamina D possono proteggere dalle infezioni respiratorie, ma questo vale principalmente per i gruppi di persone particolarmente a rischio.

Vitamina D Utile contro le infezioni respiratorie

La questione se la vitamina D possa ridurre il rischio di infezioni è molto dibattuta, soprattutto in questo periodo di pandemia.

Quattro anni fa, è stata pubblicata una raccolta di ricerche attuali che hanno dimostrato che l’integrazione di vitamina D può fornire una certa protezione contro le infezioni respiratorie. Ora lo stesso gruppo di ricerca del Karolinska Institutet, della Harvard Medical School e della Queen Mary University di Londra, tra gli altri, ha integrato il materiale precedente con altri 18 studi e ha effettuato nuove analisi.

I risultati si basano su 43 studi randomizzati e controllati con placebo con quasi 49.000 partecipanti sul possibile legame tra vitamina D e infezioni respiratorie. La knowledge base include studi pubblicati e registrati ma non ancora pubblicati ed è la raccolta più completa mai realizzata.

Il nuovo studio aggiunge ulteriori informazioni sulla vitamina D come protezione contro le infezioni respiratorie, ma non copre la questione se la vitamina D possa proteggere contro il covid-19. L’effetto protettivo totale contro le infezioni respiratorie è stato dell’8%, ma i ricercatori vedono, ad esempio, che una dose giornaliera di vitamina D ha un effetto molto migliore di una dose somministrata ogni settimana o mese. Inoltre, non c’è motivo di superare la dose raccomandata.

Secondo Peter Bergman, uno degli autori, dallo studio si può trarre una conclusione secondo cui l’assistenza sanitaria dovrebbe prestare attenzione ai gruppi con un rischio noto di carenza di vitamina D, come le persone con pelle scura, sovrappeso e vecchiaia.

Ora i ricercatori vogliono capire i meccanismi alla base dell’effetto protettivo della vitamina D contro le infezioni respiratorie. Ad esempio, quali fattori genetici determinano il motivo per cui individui diversi rispondono in modo diverso agli integratori di vitamina D.

Un punto debole della compilation di studi è che potrebbe essere stata influenzata dal cosiddetto bias di pubblicazione, ovvero gli studi che non mostrano un effetto non vengono mai pubblicati, il che può creare una falsa immagine che l’effetto è maggiore di quanto non sia in realtà. Per compensare ciò, sono stati inclusi anche i dati di studi registrati ma non ancora pubblicati.

Next Post

Astronomi adesso possono utilizzare il radiotelescopio cinese FAST

Da ieri, gli astronomi di tutto il mondo possono fare richiesta per utilizzare il radiotelescopio cinese FAST. Lo ha riferito l’agenzia di stampa francese AFP e ora lo conferma l‘agenzia di stampa statale cinese Xinhua. L’Aperture Spherical Radio Telescope, noto con il nome FAST, è il più grande radiotelescopio del […]
Astronomi adesso possono utilizzare il radiotelescopio cinese FAST