Calciopoli, prosciolti Moggi e Giraudo per prescrizione

Redazione

La Cassazione ha fatto cadere in prescrizione la maggior parte dei reati contestati dallo scandalo di Calciopoli, il processo del 2006 che mise a soqquadro tutto il calcio italiano.

Prescritto il reato di associazione a delinquere contestato a Luciano Moggi, e a Antonio Giraudo, rispettivamente ex direttore generale della Juventus ed ex amministratore delegato.

Scagionati da qualsiasi accusa Paolo Bertini e Antonio Dattilo, ex arbitri. Confermata, invece, la condanna a un anno di reclusione all’ex arbitro Massimo De Santis, ma la pena è sospesa.

Dopo otto ore di dibattito e sei di camera di consiglio, la sentenza della Cassazione è arrivato all’una e mezza di notte. Con tale verdetto lo scandalo viene archiviato con varie prescrizioni che risparmiano le condanne, numerose assoluzioni e una sola condanna definitiva con De Santis.

La terza sezione penale della Cassazione ha accolto le richieste del procuratore generale Gabriele Mazzotta. Luciano Moggi, condannato a 2 anni e 4 mesi in Appello, e Antonio Giraudo sono colpevoli, ma prescritti, stessa sorte per il pirotecnico Mazzini e Pairetto, condannati a 2 anni.

“Abbiamo scherzato per nove anni. Il processo si è risolto nel nulla e per noi solo tante spese. Il campionato è stato regolare, regolari i sorteggi degli arbitri e le conversazioni con le schede estere non ci sono mai state” ha dichiarato Luciano Moggi.

Next Post

Victoria's Secret apre in Italia con Percassi

Victoria’s Secret, il colosso americano di lingerie da quasi 11 miliardi di dollari di ricavi, ha firmato un’accordo con il gruppo Percassi per la distribuzione sul mercato italiano. Il brand del gruppo L Brands Inc, di Columbus, Ohio, aveva solo un punto vendita in Italia, situato presso l’aeroporto di Milano […]