Cancro al pancreas, aumentano i tassi di mortalità

Cancro al pancreas aumentano i tassi di mortalita

Cancro al pancreas: i tassi di mortalità aumentano più velocemente di qualsiasi altra patologia cancerogena

I tassi di mortalità per il cancro al pancreas stanno aumentando più velocemente di tutti gli altri principali patologie legate al cancro, secondo un nuovo rapporto che esamina la malattia in Europa.

Il rapporto, “Cancro pancreatico in Europa“, è stato pubblicato dalla Gastroenterologia europea unita (UEG) in concomitanza con la Giornata mondiale contro il cancro al pancreas il 15 novembre.

La ricerca per il rapporto ha esaminato lo stato passato e attuale della cura e del trattamento del cancro al pancreas, nonché le prospettive future per migliorare la prognosi per i pazienti.

Secondo il rapporto, i tassi di mortalità per cancro al pancreas nell’UE sono aumentati del 5% tra il 1990 e il 2016.

Oltre al cancro del pancreas, gli altri principali assassini del cancro nell’UE sono il cancro del polmone, il cancro dell’intestino, il cancro al seno e il cancro alla prostata.

I tassi di mortalità, invece, per cancro alla prostata sono aumentati dell’1% tra il 1990 e il 2016.

D’altra parte, il cancro al seno, ai polmoni e all’intestino ha visto i loro tassi di mortalità ridursi rispettivamente del 25%, 20% e 14%.

Secondo il rapporto, gli esperti ritengono anche che il cancro al pancreas abbia superato il cancro al seno come terza causa di morte per cancro nell’UE.

Il cancro al pancreas ha il più basso tasso di sopravvivenza di tutti i tumori in Europa.

La malattia è responsabile di oltre 95.000 morti nell’UE ogni anno.

Il tempo medio di sopravvivenza dal momento della diagnosi è di soli 4,6 mesi, con i pazienti che perdono il 98% della loro aspettativa di vita in buona salute.

Tuttavia, nonostante l’aumento dei decessi legati alla malattia, il cancro al pancreas riceve meno del due per cento di tutti i finanziamenti per la ricerca sul cancro in Europa, secondo il rapporto.

Se vogliamo prendere posizione contro il cancro più mortale del continente, dobbiamo affrontare l’insufficiente finanziamento della ricerca; è qui che l’Unione europea può essere all’avanguardia “, ha affermato l’esperto UEG Markus Peck.

Mentre le innovazioni mediche e scientifiche hanno cambiato positivamente le prospettive per molti malati di cancro, quelle con diagnosi di cancro al pancreas non sono state benedette con molti progressi clinicamente significativi“.

Per fornire diagnosi e trattamenti migliori in precedenza, dobbiamo impegnarci ora in ricerche basilari e applicate per vedere progressi reali per i nostri pazienti negli anni a venire“.

La ricerca per il rapporto ha anche esaminato le future prospettive di trattamento per la malattia, come il targeting del microbioma del pancreas.

I ricercatori stanno studiando come, cambiare il microbioma del pancreas può aiutare a rallentare la crescita del tumore e consentire al corpo di sviluppare il proprio meccanismo di difesa.

Questo perché la popolazione microbica di un pancreas canceroso è stata trovata circa 1.000 volte più grande di quella di un pancreas non canceroso, e la ricerca ha dimostrato che la rimozione dei batteri dall’intestino e dal pancreas rallenta la crescita del cancro e “riprogramma” le cellule immunitarie a reagire contro le cellule tumorali.

Ciò potrebbe migliorare l’effetto della chemioterapia o dell’immunoterapia e in definitiva modificare la progressione della malattia.

La ricerca che esamina l’impatto del microbioma sul cancro del pancreas è una nuova area particolarmente interessante, in quanto il pancreas era stato precedentemente considerato un organo sterile“, ha detto il professor Thomas Seufferlein, esperto di cancro al pancreas.

Con il continuo investimento nella ricerca sul cancro del pancreas, dovremmo avere nuove, importanti scoperte entro i prossimi cinque anni e, si spera, scoprire che il targeting del microbioma e delle cellule tumorali migliorerà in modo significativo i risultati del trattamento e ridurrà il tasso di mortalità“.

fonte@Express.co.uk – Pic@Picpedia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *