Carta da parati, arredare casa ma strizzando l’occhio all’ambiente

Carta da parati arredare casa

Negli ultimi anni, per fortuna, c’è sempre una maggiore attenzione all’ambiente e all’impatto che le nostre scelte possono avere sull’intero ecosistema.

Se è vero, infatti, che da soli non possiamo cambiare il mondo, è altrettanto vero che ognuno di noi, nel suo piccolo, può iniziare a cambiare e a “consumare” consapevolmente.

Questo discorso, naturalmente, vale anche quando si parla della nostra casa e del suo arredo: ci sono infatti in commercio una miriade di soluzioni per rendere la nostra casa quanto più ecosostenibile possibile.

Possiamo ad esempio equipaggiarla di non sistema domotico, per controllare tutte le centraline elettriche e le varie prese, per essere sempre certi di non sprecare lasciando accesi luci, led e spie varie.

Possiamo montare pannelli solari, per usare energie rinnovabile, e controllare che nessun tubo perda, per non sprecare la preziosissima acqua.

Ed ancora, possiamo preferire mobili ed arredi ricavati con materiali di riuso o restaurati, per fare degli “scarti” di qualcun altro dei pezzi assolutamente unici per la nostra casa.

Carta da parati arredare casa

Ma particolare attenzione va posta anche alle pareti: in commercio esistono coloranti naturali per tinteggiare le varie stanze, ma un tocco di vera classe può essere scegliere la carta da parati.

E non stiamo affatto scherzando: lontana anni luce da quella che ricordiamo scrostarsi dalle pareti orrende delle case dei nostri avi, oggi la carta da parati è un’ottima soluzione d’arredo, di facile applicazione, economica e, perché no, anche attenta all’ambiente.

Esistono una miriade di materiali differenti con cui viene fabbricata, dalla cellulosa al tessuto, passando per il tessuto non tessuto, il pvc, la fibra di vetro e il vinile.

Alcune contengono sostanze plastiche e chimiche che, oltre a non far bene alla nostra salute se respirate, non fanno bene neanche all’ambiente, ma se scelte accuratamente si può star certi di avere sulle proprie pareti dei materiali assolutamente ecosostenibili.

In generale i materiali naturali come bambù, sughero e legno sono un’ottima scelta per chi cerca una tipologia di carta ecocompatibile, ma si può puntare anche su fibre naturali come il lino, il cotone, la lana o la iuta, a patto però che provengano da colture biologiche e prive di sostanze chimiche.

Questi sono tutti materiali che richiedono quantità limitate di risorse durante il processo produttivo e che risultano totalmente biodegradabili al termine della loro vita.

Le fibre di lino, ad esempio, sono tra le più antiche conosciute dall’uomo e la loro coltivazione è molto efficiente dal punto di vista idrico, senza contare che il lino non produce rifiuti e le fibre sono particolarmente adatte alla produzione di carta da parati in quanto sono battericide.

Per garantire l’aderenza della carta alle pareti molto usata è anche la viscosa, un materiale sempre naturale che deriva dal legno e che, della qualità migliore, proviene da coltivazioni sostenibili certificate FSC.

Per di più, gli inchiostri usati e le tinte per le decorazioni sono a base di acqua e la tecnica utilizzata per la loro produzione prevede l’uso di energia pulita e auto prodotta.

La carta da parati ecologica è inoltre venduta insieme ad una colla vegetale biodegradabile e ne è vietata la verniciatura: questi accorgimenti permettono di avere un prodotto che, raggiunto il proprio fine vita, sia completamente compostabile e biodegradabile.

Ma alla sostenibilità vanno aggiunte anche altre caratteristiche: le carte prodotte con fibre vegetali e naturali sono fonoassorbenti, cioè capaci di attutire i rumori interni alle abitazioni e di ridurre i suoni verso l’esterno e termoisolanti, con l’energia termica dell’ambiente riscaldato che viene assorbita dalla carta da parati invece di essere completamente rilasciata sulla parete.

Senza nessun rischio per la salute e un grado di infiammabilità molto basso, grazie all’effetto ritardante di fiamma delle materie naturali, le carte da parati ecologiche sono quindi la scelta adatta per chiunque vuole dare un tocco di originalità alla propria abitazione, strizzando l’occhio alla propria salute, alla sostenibilità e all’ambiente.

Redazione

<em>Content writer professionista, in attesa di patentino giornalista pubblicista, appassionata di gossip, cronaca e curiosità.</em>