Coronavirus, in autoisolamento oltre 300 bambini in Toscana

Redazione

Purtroppo le notizie che arrivano dalla Cina non sono affatto confortanti: i numeri peggiorano di ora in ora, sia per quanto riguarda i contagi che le vittime.

Naturalmente anche l’Italia non può dirsi al sicuro da quella che potrebbe trasformarsi in una vera e propria pandemia mondiale, e per questo tutte le precauzioni non sono mai abbastanza.

Ecco il perché della decisione presa in Toscana, dove  304 i bambini e gli studenti rientrati dalla Cina e residenti nell’area dell’Azienda Usl Toscana Centro (Firenze, Prato, Empoli e Pistoia) resteranno a casa in isolamento volontario per due settimane dopo il loro rientro in Italia da un viaggio in una delle area a rischio infezione del coronavirus.

Coronavirus: Autoquarantena

Lo rende noto la stessa Usl facendo un bilancio aggiornato sull’emergenza relativo al suo territorio.

Nello specifico, sono in auto-isolamento 64 bambini abitanti nell’area di Firenze, 230 nell’area di Prato, due nell’area di Pistoia, otto nell’area di Empoli (Firenze).

Non è stata una decisione imposta ma una scelta autonoma delle stesse famiglie degli studenti, in via cautelare.

Il Dipartimento di Prevenzione ha subito attivato tramite le strutture di Igiene pubblica e della nutrizione un monitoraggio costante dello stato di salute dei bambini, in collaborazione con le famiglie e con il supporto della mediazione linguistica,  finalizzato ad intervenire tempestivamente con i protocolli di emergenza, qualora fosse necessario in presenza di una sintomatologia respiratoria acuta (febbre, tosse, mal di gola, difficoltà respiratorie).

Next Post

Il consiglio dei ministri approva la riforma della prescrizione

Sono state settimane lunghissime di dibattimenti e veri e propri scontri, con allo stesso tempo la ricerca di un a mediazione che alla fine sembra essere stata trovata. Il Consiglio dei ministri ha infatti approvato la riforma del processo penale, incluso il cosiddetto lodo Conte bis sulla prescrizione. Italia Viva non ha partecipato alla riunione, come […]
Il consiglio dei ministri approva la riforma della prescrizione