Coronavirus: quali vitamine per riprendersi meglio?

Redazione

Poiché non esiste una cura definitiva per il coronavirus, tutti i mezzi sono buoni per rimetterti in piedi al meglio dopo la malattia, in questo caso ci vengono incontro le vitamine.

Pochi mesi dopo aver contratto il Covid-19, molti pazienti sentono ancora il loro corpo “pesante”, sono in molti anche sui social network, ha riferire di sintomi quali: stanchezza, tosse, mancanza di respiro ed emicranie che persistono per settimane.

Coronavirus quali vitamine per riprendersi meglio

Le vitamine sono efficaci? Per accelerare il processo di guarigione, molti medici somministrano vitamine ai loro pazienti. Nessuno studio mostra che l’assunzione di vitamine può aiutare a prevenire il coronavirus, ma può rafforzare l’immunità dei pazienti.

La dose dipenderà quindi dai risultati degli esami del sangue dei pazienti e dalle loro esigenze. Ma in linea di massima quali vitamine assumere? Per il coronavirus, come altre malattie infettive, la somministrazione di vitamina D può aiutare il recupero.

La vitamina D è nota per le sue azioni sulle ossa. Tuttavia, agisce soprattutto a livello intestinale, sapendo che l’immunità è dell’80% sulla mucosa intestinale, secondo gli esperti. Questa vitamina svolge un ruolo nel regolare e sopprimere la risposta infiammatoria delle citochine all’origine della sindrome da di stress respiratorio acuto che caratterizza le forme gravi e spesso fatali di Covid-19.

Tuttavia, la vitamina D non può essere considerata un trattamento a tutti gli effetti. La vitamina C può essere altrettanto efficace. Presente in molti frutti e verdure, la vitamina C ha proprietà antiossidanti, che aiutano a prevenire le malattie cardiache, ridurre l’affaticamento e l’anemia.

In alcuni casi il medico di base può prescrivere anche la vitamina B12 o B9 che contribuisce al metabolismo energetico e al buon funzionamento del sistema immunitario. Molti alimenti ricchi di vitamine, magnesio e / o antiossidanti possono anche essere raccomandati dal medico.

È il caso del pesce (omega 3), dell’uva (antiossidanti), degli agrumi o anche dei frutti rossi (vitamina C). D’altra parte, dovrebbero essere evitati cibi pro-infiammatori come la carne rossa o gli zuccheri raffinati.

Next Post

Olimpiadi alle porte, il Giappone ancora in stato d'emergenza

La situazione della pandemia globale è ancora in piena emergenza, lo stesso Giappone, in quanto ospite delle Olimpiadi di Tokyo 2020, continua a dichiarare lo stato di emergenza in alcune grandi città. I Giochi Olimpici si svolgeranno comunque nel luglio di quest’anno, così come il governo giapponese Comitato Organizzatore del […]
Olimpiadi alle porte il Giappone ancora in stato emergenza