Ott 30, 2020

24Hlive.it

Tutte le news del web

Covid-19, un sintomo in particolare può essere indicativo

Covid-19 un sintomo in particolare puo essere indicativo

È quasi impossibile prevedere quali sintomi fissi di coronavirus vengono sperimentati in una determinata persona. Alcuni si ammalano gravemente di tutto, dai danni agli organi all’insufficienza respiratoria, altri hanno problemi di stomaco e quasi la metà non ha mai nemmeno una leggera febbre . Ma secondo un nuovo studio pubblicato il 1°ottobre, c’è un sintomo rivelatore di COVID che l’80% dei pazienti mostra , rendendolo un forte indicatore di COVID prima ancora di essere sottoposto al test: perdita dell’olfatto .

Per questa ricerca, un team dell’University College di Londra ha studiato 590 pazienti nel Regno Unito che hanno riferito di aver perso improvvisamente l’olfatto o il gusto ; A 567 pazienti sono stati quindi sottoposti i test del coronavirus. I risultati dello studio, pubblicato sulla rivista PLoS Medicine , hanno mostrato che il 77,6% di questi test nel complesso è risultato positivo al COVID. Nello specifico, l’80,4% dei soggetti che hanno riportato anosmia – nota anche come perdita dell’olfatto – e il 77,7% di coloro che hanno perso il senso del gusto sono risultati positivi, come riferisce la CNN.

Covid-19 un sintomo in particolare puo essere indicativo

Il nuovo studio ha anche scoperto che il 40% di coloro che sono risultati positivi agli anticorpi non hanno mai mostrato altri sintomi COVID di sorta, inclusi febbre o tosse.

Ma i ricercatori hanno anche scoperto che coloro che erano stati testati e che avevano perso solo l’olfatto avevano quasi tre volte più probabilità di risultare positivi agli anticorpi contro il coronavirus rispetto ai pazienti che avevano appena perso il senso del gusto e quelli che avevano segnalato la perdita sia dell’olfatto che del il gusto era quattro volte più probabile. I ricercatori affermano che questo rende l’anosmia un sintomo particolarmente forte per individuare una potenziale infezione da coronavirus nei pazienti.

I nostri risultati mostrano che la perdita dell’olfatto e del gusto è un indicatore altamente affidabile che qualcuno potrebbe avere COVID-19 e se vogliamo ridurre la diffusione di questa pandemia, dovrebbe ora essere considerata dai governi a livello globale come un criterio per l’auto- isolamento, test e tracciamento dei contatti” , ha dichiarato in una nota Rachel Batterham , MD, responsabile dello studio presso l’University College London e l’University College London Hospitals. “Le persone che notano una perdita nella loro capacità di annusare ogni giorno odori domestici come aglio, caffè e profumi dovrebbero autoisolarsi e cercare il test PCR“.

Copyright 2012 © 24hlive.it All rights reserved. | Newsphere by AF themes.